Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Le Iene, Davide Parenti: "Mediaset? Inutile nascondersi, per noi Silvio Berlusconi non esiste"

  • a
  • a
  • a

Dopo un lungo stop per coronavirus, domani - martedì 21 aprile - torneranno in onda Le Iene, su Italia 1. E per l'occasione il grande ideatore della trasmissione, Davide Parenti, si è confessato in una lunga intervista al coronavirus, dove c'è spazio anche per un mea-culpa sul caso-Stamina, sul quale la trasmissione prese una discreta cantonata. Dunque Parenti racconta quanto sia difficile per una trasmissione come Le Iene lavorare ai tempi del coronavirus e svela che la maggior parte dei prossimi servizi, per forza di cose, riguarderanno proprio l'epidemia. Molto apprezzabile, tra le battute finali dell'intervista, l'onestà con cui risponde alla domanda su quanta libertà ci sia a Mediaset: "Inutile fingere. La libertà assoluta non esiste, da nessuna parte. Un programma è sempre un patto con l' editore, quello che fai è quello che ti è permesso di fare in dato modo. Io ad esempio ho scelto di non parlare mai di Silvio Berlusconi, per le Iene Berlusconi non esiste", confessa chiaro e tondo. Infine, quando gli chiedono cosa gli manchi di Nadia Toffa, Parenti risponde: "Con Nadia abbiamo condiviso passioni di vita dalla mattina alla sera, successi e frustrazioni. Era favolosa, era parte di noi. Ci manca, Nadia ci manca", conclude.

 

 

Dai blog