Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

"Erano troppo felici": le parole del killer di Lecce a cui non riesco a non pensare

  • a
  • a
  • a

È passato qualche giorno, eppure continuo a pensare a quanto ha detto, a propria giustificazione, l’assassino dei due giovani a Lecce. Ha detto: “Erano troppo felici”. Tradotto, significa che era invidioso della loro felicità. Terribile che si possa diventare assassini per invidia dell’altrui felicità. Non so se questo ventunenne ha capito che, così facendo, ha distrutto la sua felicità e quella della sua famiglia. Avrà tempo, in carcere, per pensare all’orribile cosa che ha fatto. Strano destino: lui che ha creato tanto dolore, faceva il tirocinio da infermiere per alleviare il dolore altrui.  

Dai blog