Cerca

Umanità

Nicolò Zaniolo, la mamma svela un retroscena: "Era disperato, ma Florenzi gli ha fatto tornare il sorriso"

13 Gennaio 2020

0
Zaniolo e Florenzi

Nicolò Zaniolo ha riportato la rottura del legamento crociato nel corso della sfida tra Roma e Juventus. Operato nel pomeriggio di lunedì 13 gennaio, il giovane talento giallorosso dovrà star fuori per un periodo compreso tra i 4 ed i 6 mesi. Rischia quindi di aver terminato anzitempo la stagione e forse di saltare l'Europeo 2020: tra l'altro il ct Roberto Mancini era all'Olimpico quando si è verificato il grave infortunio. Intervenuta ai microfoni di Gazzetta.it, la madre Francesca Costa ha svelato un retroscena sul figlio. 

Per approfondire leggi anche: Demiral ko come Zaniolo

"Era disperato, piangeva come un bambino - ha raccontato - dopo la partita però è venuto a casa Alessandro Florenzi. Ha portato le stampelle ed i cornetti, gli ha messo il ghiaccio al ginocchio. Gli ha detto che non si deve angosciare perché un infortunio al crociato si supera, poi hanno iniziato a scherzare e Nicolò è tornato quello di sempre". Un gesto di grande umanità, quello del capitano giallorosso, che sa bene cosa si prova a infortunarsi gravemente. Inoltre la mamma ha confermato l'intenzione di Zaniolo di voler provare a recuperare in tempo per l'Europeo, anche se è troppo presto per fare calcoli del genere: "Mi ha detto 'farò tutto quello che posso per rimettermi al più presto, in Nazionale voglio esserci'. Nicolò è così, non molla. Lo ha chiamato il presidente Pallotta ma gli hanno scritto in tantissimi, da Modric a Dybala fino a Balotelli che gli ha mandato un audio". 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Gregoretti, Giancarlo Giorgetti: "La maggioranza vuole il processo politico, la gente sta con Matteo Salvini"

Giorgetti contro il Pd: "Ci deridono per i comizi? Loro organizzano  solo giovanotti che cercano di impedirli"
Luigi Di Maio corregge il tiro dopo la gaffe: "Italia informata dagli Usa subito dopo il blitz a Soleimani"
Paolo Becchi sulla legge elettorale: "La Consulta può ammazzare il maggioritario e favorire l'ingovernabilità"

media