Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Zingaretti ha il coronavirus. Quando diceva: "Evitare luoghi affollati". Pochi giorni prima era in pizzeria

Il 6 marzo Nicola Zingaretti, il segretario Pd risultato positivo al coronavirus, diceva: "Si evitino luoghi pubblici affollati". Lo stesso giorno invitava i laziali a "evitare spostamenti fuori porta se non indispensabili" e se la prendeva con coloro che a Latina hanno partecipato a una festa di carnevale "che non andava fatta" diffondendo il virus nel Lazio. Il 2 marzo chiedeva di ridurre gli spostamenti al minimo tra le regioni" mentre l'1 marzo sottolineava come siano "fondamentali i comportamenti individuali". Ma la perla è del 2 marzo: "Lavarsi le mani, salutarsi senza abbracci ed evitare i luoghi affollati". Bene, il 27 febbraio lo stesso Zingaretti è sceso in piazza a Milano, nel cuore della Lombardia infetta, abbracciando e stringendo mani a molti attivisti del Pd. Poi, non pago, è andato in una pizzeria a Bollate, gomito a gomito con perfetti sconosciuti brindando in favore di obiettivo. Il messaggio era chiaro: "Niente allarmismi e niente razzismo nei confronti dei cinesi". Ora lo possiamo dire: predicare bene, razzolare male. 

Video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Dai blog