Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, Conte spiega il decreto: "Non ci sono più zone rosse, ma ci sono limitazioni negli spostamenti"

"Non ci sono zone rosse né divieti assoluti, ma ci sono delle limitazioni". Giuseppe Conte spiega nella conferenza stampa della notte il senso del decreto emergenza sul coronavirus. "Abbiamo creato due aree, una che riguarda la Lombardia e varie province: lì ci sarà un vincolo a limitare gli spostamenti nel territorio. Mi assumo la responsabilità politica di questo momento, ce la faremo", ha sottolineato il premier. Per "contrastare e contenere il diffondersi del Coronavirus" il governo dispone di "evitare in modo assoluto ogni spostamento in entrata e in uscita" nella Regione Lombardia e in 11 province di Veneto, Emilia Romagna, Piemonte e Marche dall'8 marzo al 3 aprile. Nella regione Lombardia e nelle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Asti e Alessandria. Viene fatta eccezione per "indifferibili esigente lavorative o emergenze".

Dai blog