Cerca

Fini: "Meglio i talebani dei nostri politici"

I Talebani e gli orrori dell'Occidente: il racconto dei torti delle democrazie. "Preferisco il Mullah Omar alle star televisive"

Fini: "Meglio i talebani dei nostri politici"

Mi stupisce che Camillo Langone, giornalista proteiforme che stimo e al quale devo, se non ricordo male, una delle migliori interviste che mi sono state fatte, non si renda conto che la sua critica è, in realtà, un elogio. Scrive che molti dei pezzi raccolti ne La Guerra Democratica appartengono, più o meno, al Pleistocene e che «se c’è una cosa che invecchia in fretta sono gli articoli di attualità» (Oscar Wilde diceva che nulla è più vecchio del moderno). Ma il fatto è che i miei articoli erano inattuali quando sono stati scritti e «anno dopo anno» sono diventati attuali. E oggi lo sono più che mai. 

È quanto è avvenuto con La Ragione aveva Torto? (Torto maiuscolo, per la miseria, è un Torto metafisico come metafisica è la Ragione illuminista), un libro che Langone mi sembra apprezzi. Quando lo pubblicai nel 1985, dopo essere stato rifiutato da molti editori, vendette 4.000 copie, ma oggi, dopo un quarto di secolo, sta per essere pubblicata la settima edizione. Vuol dire che non era un libro di giornata. Così nei miei articoli, pur nella concitazione del quotidiano che Langone conosce bene, mi sforzo di guardare un po’ più lontano del mio naso.

MAI STATO PACIFISTA

In ogni caso, attaccare l’autore al posto del contenuto dei suoi scritti mi è sempre sembrata una deplorevole mancanza di argomenti. Ed è di questi che vorrei parlare.

Io non sono contro la guerra, non sono mai stato un pacifista («Meglio rossi che morti»), tant’è che, come ricordava Borgonovo, ho scritto un libro intitolato Elogio della Guerra. La politica di potenza è sempre esistita. Ma prima che comparissero le Superpotenze, all’epoca delle Potenze queste, se volevano una cosa, mandavano le cannoniere e se la prendevano. Era un metodo brutale, basato sulla legge del più forte, ma ancora intellettualmente onesto. Anche perché, se poi qualcuno rendeva loro la pariglia, buttando giù l’equivalente delle Torri Gemelle, non si mettevano a chiagne e non facevano il ponte isterico gridando allo “sdegno” e alla “vigliaccata” se i loro soldati venivano uccisi come loro uccidevano quelli altrui. 

La particolarità delle guerre democratiche degli ultimi vent’anni è che l’Occidente invade, occupa, bombarda e uccide, come sempre è avvenuto, ma con la pretesa di farlo per il superiore Bene delle sue vittime. È questa ipocrisia che è intollerabile. Una sorta di Santa Inquisizione planetaria.

Nulla è più lontano dalla mia sensibilità della cupa religione islamica (come mi è lontano ogni altra forma di monoteismo, ebraico o cristiano che sia). Nei Talebani io non difendo le loro idee ma il diritto elementare di un popolo, o di buona parte di esso, a resistere all’occupazione dello straniero, comunque motivata. E dovrebbe essere chiaro anche a un bambino, persino all’impubere Langone, che non si tiene testa al più potente, sofisticato, tecnologico, robotico esercito del mondo per undici anni, e anzi lo si mette sotto, se non si ha l’appoggio della popolazione. Oggi anche le professioniste afghane, cioè le donne che più sono state mortificate dalla interpretazione radicale che i Talebani hanno dato della shariah, vogliono una cosa sola: che gli occupanti stranieri se ne vadano. Saranno poi gli afghani a vedersela fra loro.

GLI ANTICHI EROI

Ci azzecca di più Borgonovo quando legge nei miei scritti «un rimpianto per gli antichi eroi». Io posso non essere d’accordo con le idee del Mullah Omar, ma ammiro il coraggio di un ragazzo che, diciannovenne, va a battersi, come tanti altri suoi coetanei, contro gli invasori sovietici, perde un occhio, se lo strappa, si benda e torna in battaglia, che con un’avanzata strepitosa sconfigge, in soli due anni, i ben più attrezzati “signori della guerra'” (i Massud, gli Heckmatyar, gli Ismail Khan, i Dostun), le cui milizie erano diventate bande di borseggiatori, di taglieggiatori, di stupratori, di assassini che agivano nel più pieno arbitrio, abusando in ogni modo della popolazione, sbattendo fuori dalle loro case i legittimi proprietari per metterci i propri seguaci, che una volta arrivato al potere non lo userà mai (né lui né i suoi uomini) per fini personali ma continuerà a condurre la vita spartana che aveva sempre condotto, e che infine si batte da undici anni, sacrificandovi la sua intera esistenza, contro gli arroganti occupanti occidentali. 

Chi dovrei ammirare, i Frattini, i Cicchitto, i Napolitano, i Fini, gli Schifani, i Casini, i Bersani, i Vendola, che non hanno mai alzato il culo dalla sedia e han sempre vissuto, e vivono, solo di parole, perché sono “democratici”? Io me ne fotto della democrazia che in Sudditi ho definito brutalmente «un modo per metterlo nel culo alla gente, e soprattutto alla povera gente, col suo consenso». Cosa che, a quanto pare, anche gli italiani cominciano finalmente a capire.

VUOTO DI VALORI

Chi dovrei ammirare? Le nostre star televisive? Si può morire anche, senza accorgersene, di Fiorello, di Chiambretti, di Bonolis. Esiste un radicalismo del senso, ma anche un non meno pericoloso radicalismo del non senso, che è quello di cui soffriamo noi occidentali, un vuoto di valori, che ci perderà e che segnalavo già in quegli articoli del Pleistocene (in quanto alla sessuofobia, sia detto di passata, la Chiesa cattolica non è mai stata seconda a nessuno: negli anni Sessanta, implume Langone, in Vaticano campeggiava una grande foto di Brigitte Bardot come simbolo del Male).

Il burqa, come anche Bin Laden, non ce l’hanno portato in Afghanistan i Talebani, è un’antichissima tradizione che appartiene a molti popoli dell’Asia Centrale e del Medio Oriente. Per capire le cose del mondo non basta aver deambulato, come Langone, fra Vicenza, Verona, Caserta, Viterbo, Pisa, Bologna, Reggio Emilia, Milano, Trani e Parma, ma bisogna averlo girato, almeno un po’. A me il defunto Europeo e un altrettanto defunto giornalismo questo lo ha permesso. A Langone no. E qui sta la differenza.

di Massimo Fini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • biemme

    16 Giugno 2012 - 15:03

    per forza, abbiamo la peggior classe politica del mondo tanto è vero che hanno chiamato dei cottimisti a fare quello che avrebbero dovuta saper fare loro. Quanto a coerenza, onestà ...lasciamo perdere. NON VOTIAMOLI PIU'!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • AndreaPierotti

    23 Aprile 2012 - 11:11

    Caro Fini, passi per gli Heckmatyar, gli Ismail Khan, i Dostun, ma accomunare il Leone del Panshir a quell'accolita di sanguinari non mi sembra cosa da te. A meno che non intendessi qualcun altro Massud. Con stima. Andrea Pierotti

    Report

    Rispondi

  • greysmouth

    23 Aprile 2012 - 10:10

    Intolleranza, giustizialismo da quattro soldi, odio e violenza verbale, ignoranza farcita di arroganza, provincialismo di bassa lega, meschinità associata ad un'ipocrisia senza eguali nel Continente Europeo; il livello del civismo anche più basso degli Antichi Romani.E' la legge del "Fai da te", degli altri me ne frego, che s'arrangino. In altre parole: vinca il più forte (furbo), non il migliore...Non sui politici deve sparare Dott.Fini, ma sul mucchio delle pecore che stà sotto.

    Report

    Rispondi

  • beatles14

    22 Aprile 2012 - 23:11

    Perchè fate scrivere questo tizio che è irritante e completamente fuori di testa. Vuole stupire a tutti i costi fa davvero pietà.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog