Cerca

Privatizzate Viale Mazzini

Rai, la diretta dell'Europeo è un horror: ridicola

Gaffe, strafalcioni ed errori. Poi parla Prandelli, ma non si sente nulla

Marco Mazzocchi

Un supplizio, la telecronaca Rai di Italia-Spagna. Che la televisione pubblica abbia una carenza cronica di ritmo e che sembri aver pescato i suoi format sportivi (e le telecronache) dal tubo catodico di un ventennio fa non è certo cosa nuova. Ma l'infilata di gaffe, errori e strafalcioni che la copertura dalla Rai in Polonia ci ha offerto domenica sera ha un qualcosa di grottesco. Viale Mazzini ha raggiunto vette impensabili (anche per loro): hanno confezionato, inconsapevolmente, il miglior spot al piano di privatizzazione della tv di Stato da sempre sostenuto da Libero. Un servizio talmente improponibile sarebbe meglio riformarlo.

Napolitano e Gnudi - Sorvoliamo il più possibile sul tono fazioso (e non obiettivo) della telecronaca, secondo la quale gli azzurri erano "perfetti" anche quando la Spagna li ha messi alle corde nel finale di partita. Si può provare a sorvolare anche sulla deferenza con cui si parlava del "salvatore della Patria", il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, presente in tribuna (e a cui sono stati dedicati più di venti noiosissimi minuti nel dopo partita: ma non si dovrebbe parlare di calcio?). Si può tralasciare anche la comparsata del ministro Piero Gnudi, intervistato in pompa magna, nemmeno si trattasse del fantasma di Elvis Presley dopo il suo ritorno da chissà quale isola caraibica. 

Telecronaca-horror - Non si può affatto sorvolare, invece, sui contenuti strettamente sportivi. Per primo lo scivolone nell'intervista al ct Prandelli al termine della partita: 40 secondi di muto su un minuto di intervista, semplicemente ridicolo (mentre invece gli "autorevoli" pareri di Massimo Ghini li abbiamo sentiti benissimo). E ancora, durante la partita, decine di errori nella telecronaca-horror del tandem Gentili-Dossena (non sanno nemmeno riconoscere i giocatori della Spagna, certo non una nazionale di sconosciuti, confusi almeno una decina di volte). Uno spettacolo imbarazzante.

La galleria degli strafalcioni - Ecco qualche esempio del terribile servizio pubblico che ci ha offerto la Rai. Una perla è firmata da Mazzocchi: "Lo stadio si riempirà più di tifosi spagnoli che di quelli tedeschi" (qualcuno lo informi che giocava l'Italia). Poi c'è Dossena che, con fortune alterne, si cimenta con l'italiano: "Quelli della Spagna cercheranno di parafrasare qualche messaggio che arriva dalla pallanuoto". E ancora Mazzocchi che snocciola un'importantissima informazione: "Ogni tifoso porta la maglia della squadra di riferimento". Menzione d'onore per l'immancabile Enrico Varriale, che denota una gigantesca autostima: "Voglio chiedere una cosa a Mondonico e Gasperini, dicendo prima la mia e poi sentendo la loro". Liberateci, vi prego, dagli orrori della Rai. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pinux3

    12 Giugno 2012 - 12:12

    ...non si può dar torto a Libero...I cronisti sportivi RAI fanno veramente pena...

    Report

    Rispondi

  • marpec

    12 Giugno 2012 - 11:11

    non ce la facevo più ho dovuto escludere l'audio x la bile versata

    Report

    Rispondi

  • Nano72

    11 Giugno 2012 - 20:08

    E solo pochi istanti fa al TG1: il corrispondente da Madrid chiama ripetutamente il capo del governo "Raoi", la "J" alla spagnola se l'è mangiata. Non mi arrabbio e non sfotto mica se il mio giornalaio o il mio panettiere fanno di questi errori. Ma questi sono (dovrebbero essere) giornalisti, professionisti, tutto questo dovrebbe essere per l'oro basico, "l'ABC" il loro "bread and butter". Ma annate a.....

    Report

    Rispondi

  • Nano72

    11 Giugno 2012 - 20:08

    I cronisti RAI sono dei draghi anche con le lingue.Pochi minuti fa il cronista ha definito il tempo di recupero"extra time".Mentre quello o "overtime" sono i tempi supplementari;il "recupero" si traduce "stoppage time"Ma questa è certo poca cosa.Ce ne sono da raccontare:ricordo qualche anno fa,la cronaca sulla parata militare(che ogni anno è piena di perle strepitose)che includeva un piccolo servizio storico durante quale il giornalista(?)parlò(giuro)"dell'armistizo di Cassible"(pronunciato cassibol)ignorando l'esistenza della località siracusana(cassibile)dove si firmò il documento di resa del nostro paese il 3 Settembre 43.Avrà pensato che si trattava di qualche posto chissà dove nel mondo anglosassone.Continuando, facendo salti di decenni e parlando di una nostra nave militare in missione per mari quell'anno,la identificò col nome Euro(ma all'inglese iuro)Trattavasi di fregata classe venti:Maestrale, Scirocco...Ma che aveva in testa quello?Come ne vorrei la registrazione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog