Cerca

Noi lo avevamo detto

Buco nelle entrate fiscali:
mancano 3,4 miliardi di euro

Buco nelle entrate fiscali:
mancano 3,4 miliardi di euro

Dopo i diversi campanelli d'allarme (l'ultimo, quello della Corte dei Conti) e le grida di dolore lasciamo parlare i numeri. Nei primi quattro mesi del 2012 le entrate tributarie sono state pari a 117.030 milioni di euro, in crescita dell'1,3% rispetto allo stesso periodo del 2011. Per un confronto omogeneo - comunica il ministero dell'economia - si evidenzia che al netto dell'imposta sostitutiva una tantum sul leasing immobiliare di aprile 2011, si registra una crescita pari a 2,5 punti percentuali. 

Meno delle aspettative - Ma nonostante le lievi crescite, c'è un buco nero che spaventa: secondo la Ragioneria dello Stato, le entrate tributarie nel periodo considerato sono inferiori di 3.477 milioni rispetto alle previsioni annuali contenute nel Documento di Economia e Finanza (Def). L'ammanco, in termini percentuali, è del 2,9 per cento. La cura tutta tasse del professor Monti - il periodo riguarda esclusivamente mesi targati dal suo governo, mesi nei quali erano già a regime diverse misure previste nel cosiddetto decreto salva-Italia - altro non fa che deprimere i consumi e, di conseguenza, le entrate. Il governo dei tecnici ci ha spinto all'interno di una spirale recessiva, e il fatto che con una pressione fiscale alle stelle le entrate tributarie salgano di percentuali non comparabili e inferiori alle aspettative altro non fa che confermare la scarsa lungimiranza delle soluzioni dei tecnici.

"Dinamica positiva" - Il Dipartimento delle Finanze, però, mette le mani avanti e sottolinea come pur in presenza di una congiuntura fortemente negativa, la dinamica delle entrate tributarie risulta positiva per effetto proprio delle misure correttive varate dalla seconda metà del 2011. Così le imposte dirette segnano una variazione positiva dello 0,5% (in crescita di 316 milioni di euro), mentre il gettito Ire evidenzia una contrazione dello 0,5%, pari a un calo di 280 milioni di euro, dovuto all'andamento negativo delle ritenute dei lavoratori autonomi (calo di 2,4 punti percentuali) e dei lavoratori dipendenti pubblici (calo dello 0,8%); il dato viene parzialmente compensato dall'andamento positivo delle ritenute dei dipendenti privati, in crescita dell'1,4 per cento. 

Ires - Il gettito Ires ha determinato un incremento del 7,9%, pari a 103 milioni di euro, grazie alle scadenze dei termini di versamento dei contribuenti con esercizio non coincidente con l'anno solare. Tra le altre imposte dirette si segnala la crescita dell'imposta sostitutiva su ritenute, interessi e altri redditi di capitale (in crescita di 554 milioni di euro pari a +26,7%) influenzata da diversi fattori di carattere tecnico-normativo e in particolare dalle modifiche apportate al regime di tassazione delle rendite finanziarie.

Bollo e imposte indirette - Nel 2012 si registra l'incremento del gettito dell'imposta di bollo (in crescita del 180% pari a 1.939 milioni di euro) dovuto alle modifiche normative arrivate con i provvedimenti della seconda metà del 2011 alle tariffe di bollo applicabili su conti correnti, strumenti di pagamento, titoli e prodotti finanziari, nonchè all'anticipo del versamento dell'acconto sull'imposta di bollo. Le imposte indirette fanno rilevare un incremento complessivo di 4,6 punti percentuali (in ascesa di 2.501 milioni di euro). In lieve calo il gettito Iva (giù dell'1,0% pari a 297 milioni di euro) che riflette l'effetto congiunto dell'aumento della componente Iva del prelievo sulle importazioni (in crescita del 4,7%) e della flessione della componente relativa agli scambi interni (giù del 2,2%) dovuta al ciclo economico negativo e all'indebolimento della domanda interna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcogd

    07 Giugno 2012 - 13:01

    Mi ha colpito,infatti,un recente fatto accaduto a Genova che ha messo in grave imbarazzo anche il circolo del ex PCI di un popoloso q popolare quartiere: in un asilo,datala scarsità di posti e le indicazioni di legge,si accettano solo bambini con particoalri disagi familiari e guardacaso risultano tutti extracomunitari;le famiglie italiane,pur disagiate, non hanno accesso. Ma l'asilo è comunale,x cui stanno pagando gli italiani.Genova,sempre in tema di numeri,è proprio in questi giorni tartassata da aliquote ed imposte al limite dell'apocalittico su qualunque cosa... Chiaro dove si vuole arrivare?

    Report

    Rispondi

  • marcogd

    07 Giugno 2012 - 12:12

    Ma qualcosa continua a nn quadrare:come si sono create e persistono tali voragini spaventose?Non è che sino a ieri nessuno abbia mai pagato NULLA.Un po' meno-pare-ma non nulla,e"un po' meno" di un'imposizione spaventosa come l'attuale mi fa sorgere la domanda:ma tutti questi soldi che fine fanno? Non è retorica,pensiamo che i servizi alla popolazione si stanno estinguendo,la Sanità si paga a parte ma le strutture chiudono,le imprese a partecipazione statale non erogano quasi più nulla se non facendo pagare di fatto x intero i costi,agevolazioni alla classi medie e basse (italiane) non ce ne sono ormai più...e di colpo mi viene in mente:ma quelle pensioni ai familiari degli extracom massicciamente erogate senza versamenti di contributi ma in virtù della sola presenza di un componente in Italia?e le erogazioni x le infrastrutture di SudAmerica e di alcuni NordAfricani? e... dove stanno andando x davvero i nostri soldi?

    Report

    Rispondi

  • 654321

    06 Giugno 2012 - 10:10

    sei un baccellone ,altro che dare del bananas!! La bananas ce l'hai piantata nelle melette e interferisce anche sul cervellotto che pensi di avere! Infatti ora eccelsa mente arrivi bene alla fine del mese! Ilo tuo Bersani prima spippettava il sigaro in giro per strada sbandierando il passo indietro e il non arrivare alla fine del mese!! Ora solo i coglioni come te non ricordano e arrivano bene alla fine del mese! E colui che lo diceva si fa altamente i cazzi suoi e gli interessi pure! Forte e consapevole che di coglioni come te il suo partito e' pieno!! A proposito compagnone infiltrato, ciuccia la banana te ora, e vedrai il bello deve ancora venire! Chissa' che una mattina di queste di diano un calcio nelle melette e ti buttino fuori dal lavoro!! Attento quando ti siedi , ricordati della bananas che e' inserita ben bene nelle tue melette !!

    Report

    Rispondi

  • blu521

    06 Giugno 2012 - 10:10

    Da libero: "E' nato il governo berlusmonti. Sinistra all'angolo"(4.2.2012), "Ecco il patto del cav. con sinistra e Monti"(4.2.2012). Il termine è stato coniato proprio qui, e successivamente ripreso da Travaglio come titolo del suo ultimo libro. Sempre qui il diversamente onesto ha rivendicato il merito di aver indicato a Napolitano il nome di Monti. Lei ha il diritto di coniare tutti gli aggettivi che crede e che la soddisfino, ma bananas ormai è un termine entrato a pieno diritto nell'antrologia: Una cortesia però: legga gli articoli che commenta: Buona giornata

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog