Cerca

La rilevazione

Berlino, fiducia ai minimi dal '98
Anche i tedeschi han paura della Merkel

Crolla l'indice Zew sulla salute dell'economia: il peggior tuffo verso il basso da 14 anni. Le politiche di Angela spaventano
Angela Merkel

 

Complici le tensioni sul sistema bancario spagnolo e i rigurgiti dei mercati nonostante l'esito delle elezioni in Grecia, teoricamente positivo per il destino dell'euro, in Germania si respira un clima di sfiducia: un sistema basato principalmente sulle esportanzioni ha paura che il mercato continentale possa definitivamente incepparsi. Ma non è soltanto una questione di sfiducia e sensazioni: a parlare ci sono anche i numeri. L'indice Zew, l'indicatore della fiducia delle imprese tedesche nell'economia di Berlino, a giugno è crollato di 27.7 punti a quota -16,9 punti. Si tratta del peggiore tuffo verso il basso dall'ottobre del 1998. A maggio l'indice si era assestato a quota 10,8 punti, e l'ultimo crollo è stato nettamente superiore alle attese, che lo prevedevano in calo di 4 punti. Scende anche il sottoindice relativo alle condizioni attuali in Germania, passato a 33,2 dai 44,1 punti di maggio (contro le attese che lo davano a 39,8 punti).

Paura della Merkel - Il presidente dello Zew, Wolfgang Franz, ha spiegato: "Le aspettative degli esperti finanziari devono suonare come un forte avvertimento per l'ottimismo mostrato dalla Germania circa le prospettive economiche per il 2012. Il rischio di una contrazione pronunciata dell'attività economica nei paesi strettamenti interconnessi con la Germania è lampante". Un economista dell'istituto ha poi precisato che la maggior parte dei dati foriti nello studio sono stati raccolti prima delle elezioni greche di domenica: al quadro si deve aggiungere l'aspettativa che Atene abbia necessità di chiedere ancora aiuti ai paesi europei. Ma andando oltre gli indicatori macroeconomici, c'è un altro dato di fatto. Il crollo della fiducia in Germania è dovuto alle politiche del rigore della cancelliera Angela Merkel, politiche che costringono l'Europa alla stagnazione, alla recessione e a un calo dei consumi che ha pesanti ripercussioni anche sull'economia tedesca. Anche a Berlino hanno paura della Merkel...

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bennis77

    22 Giugno 2012 - 16:04

    Sono mesi che dico di non comprare prodotti tedeschi... Io da un anno che non acquisto prodotti provenienti dalla Germania oppure di marca tedesca.Tutti dobbiamo fare cosi.Anche Francesi,solo prodotti made in Italy. Compreso le auto,volevo acquistare una bmw,ho optato per un'alfa romeo.

    Report

    Rispondi

  • bersa56

    20 Giugno 2012 - 07:07

    Che fine abbiamo fatto per colpa di una menomata, rotta nel lato B

    Report

    Rispondi

  • sfeno

    20 Giugno 2012 - 01:01

    sicuramente anche la Germania avrebbe i suoi problemi ma ricordiamoci ITALIANI che il nostro nemico non e' la Merkel ma la nostra bella casta.....anche se i germanici dicessero si a tutto quello che gli si chiede i problemi sarebbero solo rimandati.

    Report

    Rispondi

  • angelus72

    19 Giugno 2012 - 22:10

    visto il forte export della Germania, boicottiamo, insieme però con gli altri Stati vittime della "culona", i prodotti tedeschi... puo' darsi che.....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti