Cerca

Imposta sugli immobili

Mazzata-Imu su negozi e imprese
Pagheranno il triplo di prima

Tra aumenti base e quelli dei Comuni, duro colpo alle attività economiche, già provate dalla crisi dei consumi

A Milano, i proprietari dei negozi potranno arrivare a pagare il 243% in più
Mazzata-Imu su negozi e imprese
Pagheranno il triplo di prima

 

Stangata-Imu in arrivo per negozi e immobili delle imprese, alle prese anche con recessione e crisi dei consumi. A loro le regole generali dell'imposta non risparmiano alcun rincaro e le scelte comunali non sembrano quasi mai riservare un trattamento "su misura". Risultato: per i negozi e gli uffici gli incrementi rispetto alle richieste avanzate dall'Ici fino allo scorso anno arrivano a superare il 240 per cento, mentre ai proprietari di capannoni industriali il debutto della nuova imposta municipale costerà fino al 155% in più.

Primatista del rincaro, fra i grandi centri, è il Comune di Milano, che in questo calcolo è però penalizzato dal fatto che l'Ici fino al 2011 si è mantenuta a livelli decisamente più bassi rispetto alla media nazionale. Passare in un solo anno dal fondo alla cima della montagna della pressione fiscale sul mattone costerà ai proprietari di negozi nel capoluogo lombardo un aumento del 243%, mentre nel caso degli uffici la sassata è del 239%. L'Imu milanese chiederà invece il 154% in più dell'Ici ai titolari di centri commerciali e capannoni industriali. 

Non tutto il super-aumento, comunque, si farà sentire al primo appuntamento alla cassa: l'acconto si pagherà ad aliquota standard, con incrementi medi del 90% per negozi e uffici e del 42% per capannoni e centri commerciali: il resto arriverà appena prima di Natale, con il saldo da versare entro il 17 dicembre.

 

roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Angela70

    09 Giugno 2012 - 11:11

    condivido il suo pensiero!

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    08 Giugno 2012 - 20:08

    quì l'unico che frigna sei tu.Visto che ti senti inculato dai commercianti,perchè,piuttosto,non chiedi a prodi come mai il cambio e stato deciso in quella misura?In germania il cambio era nettamente più equilibrato.E se mi rispondi che "per entrare in europa era l'unico cambio possibile" allora io ti mando a fanculo a te e a prodi.Se non c'erano i presupposti,non entravamo nell'enorme truffa chiamata euro.Oggi romprevamo il culo a tutto il mondo con i nostri prodotti made in Italia con la nostra cara e valida Lira.Come mai la Polonia fa parte del mercato europeo ma non c'è l'euro e non risentono della crisi?Per caso ricorda la tassa di 84.000Lire che abbiamo dovuto pagare per entrare in questo schifo e che il mortadella avrebbe dovuto rimborsarci?Lei l'ha più vista?Col cazzo che c'è l'hanno restituita,e lei il meglio che sa fare e scagliarsi contro i commercianti?Lei è lo stolto che guarda il dito anzichè la luna.Le faccio i miei complimenti.Per caso lavora per prodi?

    Report

    Rispondi

  • ansimo

    08 Giugno 2012 - 19:07

    a piangere, tanto noi siamo abituati a farlo ed anche per colpa loro. Il 2002 i nostri stipendi sono stati convertiti in euro con matematica precisione fino al centesimo, loro hanno cambiato la mille lire in un euro. Ora dovranno pagare qualcosa in più e gli scappa da piangere. Aiutiamoli.

    Report

    Rispondi

  • patrenius

    08 Giugno 2012 - 18:06

    L'IMU è la grande colpa del PDL!!! Perchè se ne accorgono solo ora? Io che le elementari le ho fatte bene e le tabelline le conosco dissi a dicembre: rendita catastale aumentata del 60% e aliquta raddoppiata significa 1,6 x 2 = 3,2. Quindi dissi l'IMU arriverà a essere il triplo! l'IMU andava stoppata sul nascere e si sarebbe evitato il disastro. Dove era il PDL??

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog