Cerca

Vacanze rovinate

Windjet da lunedì a terra
300mila passeggeri fregati

Improbabile un accordo con Alitalia, la compagnia low cost è ormai senza risorse. Enac potrebbe ritirarle la licenza di volo

A rischio ci sono 500 posti di lavoro, più altri 300 nell'indotto
Windjet da lunedì a terra
300mila passeggeri fregati

Il crac di Windjet è sempre più vicino. Dopo il fallimento della trattativa con Alitalia, che settimane fa aveva annunciato l'intenzione di rilevare la compagnia low cost catanee, oggi il presidente di Enac (ente nazionale aviazione civile), Vito Riggio, ha spiegato che "in queste ore è in corso un’unità di crisi con Alitalia e altre compagnie italiane, con   l'operativo Windjet in mano, per valutare quali voli si possono tenere. I passeggeri dovranno pagare un piccolo supplemento al netto delle tasse già pagate. Entro oggi avremo un primo quadro che aggiorneremo man mano". Il rischio è che da lunedì, tutti i 12 Airbus di Windjet restino a terra, come i 300mila passeggeri che hanno già prenotato e pagato un biglietto da qui a ottobre. E che i 500 dipendenti della compagnia restino senza lavoro, oltre ad altri 300 dell'indotto. Di fronte alla mancanza di risorse economiche da parte di Windjet, Enac sarebbe infatti costretta a ritirarle la licenza di volo.

L'auspicio di Enac è quello di riuscire a riproteggere, facendo partire con altre compagnie, almeno i viaggiatori che hanno in mano un biglietto Windjet per il mese di agosto. Per questo, ha chiesto collaborazione alle altre compagnie nazionali (Meridiana, Blue Panorama), in particolare ad Alitalia, che l'Ente ritiene "in parte responsabile della situazione verificatasi". Accusa, quest'ultima, che la compagnia di bandiera respinge risolutamente: "Fin dal via libera all'accordo abbiamo sempre tenuto informate le autorità dell'andamento e delle difficoltà della trattativa. E la mancanza di chiarezza o lìincompletezza della documentazione fornitaci da Windjet sono tali da non consentirci di procedere". Le somme già sborsate dai passeggeri per volare a partire da settembre andranno con ogni probabilità nell'istanza di fallimento della compagnia aerea low cost.

catania

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marino43

    13 Agosto 2012 - 15:03

    Un altro momento di italianità! Dobbiamo salvare Alitalia e ILVA...

    Report

    Rispondi

  • patetici

    13 Agosto 2012 - 08:08

    la frase dovrebbe essere appena dello scorso anno ...da allora sono fallite livingstone..rilevata ad 1 euro da Toto ...e wind jet ...... 9000 ristoranti hanno chiuso

    Report

    Rispondi

  • iusini

    12 Agosto 2012 - 12:12

    quando Alitalia era nelle stesse condizioni tutti si dannavano perche' doveva essere salvata ad ogni costo.Ora se ne fregano tutti:la differenza fra dipendenti statali e non(e nessuno voglia farmi credere che alitalia non e' statale)

    Report

    Rispondi

  • eden

    12 Agosto 2012 - 11:11

    Alitalia e' oggetto di attenzione della politica che vuole ricostituire il carrozzone di prima con la complicità di ENAC per tornaconti personali, altro che riappropriarsi del monopolio dei cieli, Alitalia riceve pressioni affinché inglobi queste aziende decotte e fallite affinché ritorni il gran casino dove tutti hanno interessi e attingono nella greppia, in poche parole vogliono il ritorno al passato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog