Cerca

Evasione boom

Allarme fuga di capitali all'estero
Sequestri alle frontiere su del 78%

La Gdf recupera in sette mesi oltre 41 milioni di euro: ecco gli stratagemmi più usati

Allarme fuga di capitali all'estero
Sequestri alle frontiere su del 78%

 

Negli aeroporti, nei porti, sventando i più disparati stratagemmi. Negli ultimi sette mesi, tra gennaio e luglio, la Guardia di Finanza ha sequestrato oltre 41 milioni di euro alle frontiere per un totale di 2638 interventi. Un aumento del 78% rispetto allo stesso periodo del 2011. Sequestrati anche 88 chili di oro e 570 d’argento. Moltissimi gli stratagemmi studiati per nascondere i soldi: c'è chi ha scelto la biancheria intima, chi il classico doppiofondo della valigia, chi in fodere cucite ad hoc dentro giacche e giaccon, etc. Qualcuno ha usato addiruttura le spazzole per capelli. Recentemente, all'aeroporto di Fiumicino, i finanzieri hanno scoperto un'imprenditrice cinese che aveva nascosto dentro gli assorbenti e nell'imbottitura del reggiseno quasi centomila euro.  Un imprenditore italiano con attività in Etiopia viaggiava invece con 122.000 euro infilati nel doppiofondo del trolley e all’aeroporto di Firenze, un imprenditore cinese di Prato era in partenza per Shangai con 180.000 euro occultati nella fodera di alcune giacche che portava con se come campionario prodotto dalla sua azienda. I sistemi di occultamento scoperti sono i più fantasiosi.

 

Fuga del denaro Non solo evasione fiscale, ma anche truffe e riciclaggio dietro la "fuga" del denaro. A Ponte Chiasso, invece, i finanzieri hanno fermato auto modificate con doppifondi per nascondere i soldi ai controlli della fiamme gialle. Il caso più eclatante scoperto nei mesi scorsi è quello dell’Audi A3 fermata al valico di Bizzarone (CO) con 1.000.000 di euro nascosto in un vano dietro al contachilometri oppure la Scenic con il doppiofondo nel pavimento in cui l’agente immobiliare, che pensava di farla franca passando dal valico di Drezzo (CO), aveva nascosto 400.000 euro. Nei sedili di una piccola Ford erano, invece, nascosti i 100.000 euro che uno svizzero in transito a Chiasso portava con se; l’uomo si è ripresentato poche ore dopo e, nuovamente controllato, saltavano fuori altri 26.000 euro.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    13 Agosto 2012 - 11:11

    Altro scambio osceno. Se tassi, evado... Onestà, rispetto della legge, tutte cose a carico dei lavoratori. E gli altri? Ricattano.

    Report

    Rispondi

  • encol

    13 Agosto 2012 - 09:09

    Sono troppe le cose che non sanno inquadrare o che capiscono con colpevole ritardo, tipo la precipitosa retromarcia che sta compiendo Grilli. Gli va dato atto che sta facendo bene ma siamo fuori tempo massimo. Troppe piccole e medie aziende hanno chiuso i battenti e non riprenderanno l'attività. Molte altre hanno venduto a soc. estere, anche il know-how naturalmente, e tra non molto troveremo gli stessi prodotto ex made in italy, su tutti i mercati a metà prezzo. Risultato: un paese in miseria e senza futuro. -grazie Prof., grazie Presidente- Nonostante questa triste analisi sotto gli occhi di tutti ancora NON tagliano un centesimo alla VILE CASTA, NULLA fanno contro la corruzione che vale 65miliardi anno. Da qualche giorno si sono accorti che l'Italia è un paese di Dr.laureati non si sa come ed anche per questo disoccupati. Ancora fingono di non vedere che in sanità abbiamo 4 volte più medici che nel resto d'Europa eppure le ASL continuano ad assumerli via raccomandazione.

    Report

    Rispondi

  • aquila08

    12 Agosto 2012 - 11:11

    IN DIFESA DI NAPOLITANO escono alla scoperta tutti i Big che hanno sempre dominato l’Italia. Appello di Bagnasco per i cattolici in politica “Siano più presenti nella cosa pubblica” .Avete visto che Cristo e Dio sono solo immaginari,usati dal vaticano per impaurire i cretini creduloni come me promettendogli il Paradiso dopo la morte,così loro con i fidati sudditi politici clericali riescono a governare la ex Nazione Italia a piacimento.Infatti,dopo le elezioni taroccate Piemontesi,la Casta ha premiato l’UDC con la VicePresidenza del CSM,per questo che adesso,dopo il successo di Milano,dove hanno piazzato nella poltrona più importante un DC,la Casta vuole piazzare nella finta sinistra i politici DC mascherati nell’UDC. Spero che chi ha sempre votato la finta sinistra si renda conto che la finta sinistra non è mai stata di sinistra.Basta vedere con quale tenacia l’UDC sostiene il governo di Dio e Napolitano,si vede che hanno paura che crolli la Torre di Babele Democristiana/Comunista.

    Report

    Rispondi

  • contenextus

    12 Agosto 2012 - 10:10

    Coi soldi miei e coi miei capitali e risparmi , io voglio fare quel che mi pare. Lo stato ladro vuol tenere i soldi e i risparmi dei sudditi in gabbia per meglio appropriarsene,tassandoli. Uno stato del genere è criminale. Impoverisce e punisce tutti i sudditi solo per la propria sopravvivenza. E' del tutto evidente che lo stato non è e non rappresenta il popolo, ma lo spreme. Nulla è cambiato dai tempi del latifondo. E fintanto che le scuole non apriranno gli occhi ed educheranno al dubbio e alla ricerca gli scolari, fino ad allora i sudditi non si ribelleranno. Il socialismo reale si ata affermando in italia e anche in europa. Io di liberale non rilevo alcun che. Vedo solo compressione dei diritti naturali delle persone,vessazione,plagio culturale,coercizione. Auspico un default che faccia morire un'italia ed un'europa del genere. Poveri,ma liberi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog