Cerca

Paradossi della finanza europea

Il fondo salva Stati
fa ricca la Germania

In un’intervista a Bloomberg Tv il presidente Klaus Regling ammette: "Finora abbiamo investito 4 miliardi in titoli di Stato a rating elevato"

Angela Merkel

Angela Merkel

di Attilio Barbieri

In attesa di capire come (ma soprattutto «se») utilizzare i 500 miliardi di dotazione, il fondo salva Stati ha iniziato a parcheggiarli in titoli sicuri. Roba tra tripla A, come ce n’è poca in giro di questi tempi. E la scelta, quasi sicuramente, dev’essere ricaduta sui titoli del debito pubblico tedesco. I Bund, rispetto ai quali si misura l’affidabilità di tutti le altre emissioni. Attraverso lo spread. Così Angela Merkel rischia di potersi vantare  di aver vinto la difficile partita su come impiegare il pacco di euro destinato a salvare le banche spagnole, in prima battuta, e poi forse all’acquisto dei titoli di Stato dei Paesi più indeboliti dalla speculazione. Italia compresa. Per ora, tuttavia, con somma soddisfazione della cancelliera tedesca, l’Esm  ha si acquistato obbligazioni pubbliche. Molto probabilmente made in Germany, però. Ad ammetterlo, sorprendentemente è stato Klaus Regling, il grande capo dell’Esm, letteralmente European stability mechanism. Il fondo salva Stati appunto. «Finora abbiamo investito 4 miliardi di euro in titoli di Stato a rating elevato, soprattutto denominati in euro», ha raccontato nel corso di un’intervista concessa a Bloomberg Television in Lussemburgo. 

Certo, nella fascia alta del tabellone ci sono pure gli Oat francesi che però hanno perso nei mesi scorsi la tripla A, riconosciuta ora dalle agenzie di rating solo ai Bund di frau Merkel. Facile immaginare che nel paniere degli investimenti effettuati dall’Esm vi siano soprattutto quelli. E dire che finora dai forzieri gestiti da Regling non è uscito altro. In una recente intervista pubblicata dal Sole 24 Ore  ha confermato la disponibilità a erogare i 100 miliardi necessari a salvare le banche spagnole, In due tranche, però: 30 miliardi subito, gli altri non si sa. Il fondo salva Stati non si tirerà indietro neppure nel caso dovesse presentarsi la necessità di fornire aiuti diretti ai grandi Paesi in crisi. Ma con cautela, «per non escluderli dai mercati». Certo, l’esempio della Grecia è davanti agli occhi di tutti. Complice la lentezza con cui l’Europa si è mossa e i piani di austerity capaci di stendere perfino gli Stati Uniti, ora Atene non riesce a raccogliere più un cent. Nessuno si sognerebbe più di  acquistare un titolo del debito pubblico ellenico. E per pagare gli stipendi dei dipendenti pubblici la Grecia deve aspettare in ginocchio i soldi della Bce e del Fondo monetario internazionale.

A proposito di istituzioni che acquistano bond pubblici Regling, già sempre lui, ha dichiarato al 24 Ore: «Quando compriamo titoli di Stato di un paese, in quel momento noi come Esm stiamo erogando un prestito a quel paese, perchè utilizziamo il prestito per comprare i titoli». Vuoi vedere che alla fine prima ancora di aiutare Madrid, sull’orlo della bancarotta da mesi, l’Esm sta prestando soldi ai tedeschi? Dopo aver opposto un secco «nein» quando Draghi propose di assegnare al fondo salva Stati una licenza bancaria, Berlino rischia di avere il privilegio di incassarne  fra i primi i finanziamenti. Paradossi di un sistema, quello europeo, guidato da logiche estranee alla democrazia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    06 Gennaio 2013 - 17:05

    Come Prodi anche Monti ha svenduto l'Italia e i relativi italiani all'Europa. La Germania con l'Italia ha trovato la gallina dalle uova d'oro. La cosa scandalosa è che il prof. continua ad incensarsi per aver salvato l'Italia. Non votate questo pseudo politico incompetente e inetto.

    Report

    Rispondi

  • ghiretto

    23 Novembre 2012 - 18:06

    Dall'unità d'Italia, organizzata dalla Massoneria, gli italiani sono solo sudditi da tenere sotto, spiare e reprimere. Lo ricordano le numerose rivolte popolari, contro L'Italia di Mazzini e Cavour, represse nel sangue, la presenza delle truppe d'occupazione (Carabinieri) in ogni paesetto, la mattanza della I Guerra, lo stile governativo del Fascismo, la sudditanza alle istituzioni e il conseguente clientelismo, nella nostra Repubblica, fino alla dittatura dei Tecnici-massoni. Hanno governato sempre gli stessi tipi di potere: la massoneria; è ora della rivolta!

    Report

    Rispondi

  • encol

    10 Novembre 2012 - 18:06

    Non mi sono mai sottratto al diritto/dovere del voto ma questo turno lo salterò di certo e non ci andrò fino a che una legge elettorale fatta NON da ladri incalliti permetterà al popolo di scegliere da CHI farsi governare. SPERO SIANO MOLTISSIMI A PENSARLA COSI'

    Report

    Rispondi

  • massimol71

    08 Novembre 2012 - 17:05

    Non andateci perchè si farà sempre e solo gli interessi della germania. Essa è la responsabile delle 2 guerre mondiali ed è responsabile della crisi economica grazie all'euro. Andrò a votare solo quando alle elezioni ci sarà abbinato il referendum che chiede se vogliamo rimanere nell'euro o no.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog