Cerca

Sado-Angela

Merkel: "Cinque anni per superare la crisi"

La Cancelliera: "Per superare il momento difficile avremo bisogno di molto altro tempo. Continuare con le riforme per convincere gli investitori internazionali"

Angela Merkel

Angela Merkel

 

Un altro lustro di lacrime e sangue. Lo pronostica Angela Merkel: "Per superare la crisi abbiamo bisogno di un grande sforzo e di più di cinque anni di tempo". Così la cancelliera del rigore nel corso di un congresso della Cdu a Sternberg. La Merkel ha ribadito la necessità di attuare riforme strutturali nell'area euro che producano risultati per ripristinare la fiducia degli investitori internazionali. "Abbiamo bisogno di rigore per convincere il mondo che vale la pena investire in Europa - ha spiegato Angela -. Ci sono investitori che non credono che l'Europa possa raggiungere le nostre promesse", ha concluso chiedendo ai partner europei un maggiore impegno per il consolidamento dei bilanci e per la riduzione del debito. Cosa chiede, in sostanza, la Merkel? Altri sacrifici e nuove tasse. Per compiacere "gli investitori" e i mercati, ovvio.

Giorni caldi - Le dichiarazioni della Merkel sono arrivate a ridosso di giorni decisivi per il futuro dell'Eurozona: la cancelliera infatti volerà a Londra il prossimo mercoledì per un incontro con il premier David Cameron, in cui cercherà di trovare un accordo sul budget europeo per il periodo che va dal 2014 al 2020. Gli inglesi minacciano di porre un veto. Tutto questo in attesa del summit europeo previsto per il 24 e 25 di novembre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Veraleks

    06 Novembre 2012 - 10:10

    più alla Merkel sui 5 anni ulteriori di crisi, che ai nostri ministri, che parlano da mesi di ripresa.

    Report

    Rispondi

  • Liberopensatore1950

    05 Novembre 2012 - 10:10

    Dopo la caduta del muro, hanno imposto l'euro per risanare le loro casse ora, per effetto della crisi economica mondiale, anche dovuta all'ambiguità dell'euro e delle azioni finanziarie usa del 2008, l'obiettivo, per la Germania, deve essere differito essendoci una nuova flessione. la Lagarde, da molti criticata, essendo estremamente realista, espresse già forti dubbi sulla tenuta dell'euro e sull'economia europea. Naturalmente non sarà proclamata beata e poi santa, post mortem, pensa ai suoi interessi ma, se non altro, è molto concreta e non fantastica sotto influenze ideologiche o neoromantiche alla sturm und drang sulla "bellezza umana dell'unione europea": l'economia non considera gli aspetti romantici alla "Armony" della politica.

    Report

    Rispondi

  • acstar

    05 Novembre 2012 - 09:09

    Questa p.....a tedesca predica bene e razzola male ! vuole solo essere rieletta per flirtare con "fallimonti"....! Tanto non lo....prende , non lo ha !Politici europei vigliacchi con ben altri programmi a di fuori della crisi ! Vedrete ragazzi, vedrete !

    Report

    Rispondi

  • carlag

    04 Novembre 2012 - 21:09

    Di questa virago non se ne puo' piu'. Perche' non affossarla con le prossime elezioni. I tedeschi si risveglierebbero piu' liberi, democratici e felici. Questa ex Ddr da strapazzo farebbe meglio a togliere le tende, prima che sia troppo tardi. Penso che i tedeschi occidentali la possano odiare piu' della riunificazione. Non l'hanno mai potuta sopportare ed ora hanno una di loro che li governa. La germania non capisce e non ha mai capito dove ci si deve fermare. Vanno avanti come i panzer e si suicidano prima della fine. Poveretti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog