Cerca

Le mani di Matteo nelle nostre tasche

Sui conti correnti tassa da 755 milioni per "pagare" gli 80 euro di Renzi

Il prelievo, che scatterà dal 2015, salirà a 1,1 miliardi di euro nel 2016

Sui conti correnti tassa da 755 milioni per "pagare" gli 80 euro di Renzi

Bello lo spot degli 80 euro in più in busta paga. Il premier Matteo Renzi ci si sta giocando tutta la sua credibilità da qui al prossimo autunno, quando per andare avanti dovrà dimostrare di tradurre in realtà la valanga di promesse che ha fatto agli italiani negli ultimi tre mesi. Intanto, però, a tenere alta la fiducia ci sono quegli 80 euro che andranno a tutti coloro che guadagnano fino a 24mila euro. Che, siccome il denaro non si fabbrica (grazie Europa), da qualche parte vanno presi. E una di quelle "parti" sono le rendite finanziarie, che dal 1 luglio saranno stangate da una aliquota (ossia da un prelievo fiscale) che passa dal 20 al 26%. Colpiti sono i risparmiatori, le aziende e le banche. Nel 2015, scrive Il Sole 24Ore, il gettito atteso sarà di 3.037 milioni di euro (cioè poco più di 3 miliardi). Il grosso, 1.241 milioni, arriverà nelle tasche dello Stato dalle ritenute sugli interessi di obbligazioni e titoli similari, ma una quota significativa arriverà da ritenute su depositi, conti correnti, libretti postali e certificati di deposito: in tutto 755 milioni nel 2015, col top del prelievo che verrà raggiunto l'anno successivo, il 2016, quando famiglie e imprese si vedranno prelevare dai conti correnti 1,1 miliardi di euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    26 Aprile 2014 - 16:04

    Dove troveranno questi "mitici" 80 EU? Ma frugando ancora una volta nelle tasche degli italiani. Di sicuro non taglieranno un solo centesimo agli indecenti costi dei politici e della politica. Non è questa nemmeno vergogna è IMBECILLITA' cronica -

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    25 Aprile 2014 - 00:12

    Con il 26% sulle rendite finanziarie, siamo tra i meno cari (si parla di prelievo fiscale) d'Europa. Poi con 4 milioni che scarseggiano persino nell'alimentarsi, di certo non si puo' parlare di 'ingiustizia'. Costoro non hanno un cent e neppure il c/c o i titoli. Risultato di 20 anni con Berluscoini al potere per la maggior parte con maggioranze stratisferiche... si é divertito a evadere, il pove

    Report

    Rispondi

  • arwen

    24 Aprile 2014 - 18:06

    Libretti postali? Cioè dove le famiglie meno abbienti allocano i risparmi? Ma pensate se al posto di Renzi ci fosse B.. Ma vi immaginate le marce, gli scioperi, i sindacati in rivolta, il PD sull'Aventino, Repubblica scatenata, la magistratura che lo indaga x voto di scambio, i richiami partigiani e i convegni? Invece tutti zitti. Ricordate però che i numeri nn hanno tessera di partito.

    Report

    Rispondi

  • gigigi

    24 Aprile 2014 - 18:06

    Credevamo di aver scoperto il famoso Giovane, Capace ed Onesto, invece questo Renzi, e' nient'altro che la brutta copia dei tanti D'Alema, Veltroni, Amato e tutti gli altri comunisti che lo hanno preceduto. Il fatto che sia Giovane, ci fa' preoccupare oltremodo in quanto, questo e' destinato a durare, se , NOI, POPOLO SOVRANO ITALIANO, non prendiamo dei provvedimenti drastici ed immediati!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog