Cerca

Discesa verticale

Borse, rimbalzo fallito: dopo la giornata nera di ieri, ancora ribassi

Matteo Renzi

Dopo il bagno di sangue della vigilia, il rimbalzo non è riuscito: quella di oggi è stata una nuova giornata di passione a Piazza Affari. I dati definitivi vedono il Ftse Mib chiudere con un ribasso dell'1,21%, dopo che, intorno alle 12, l'indice era scivolato del 3,54%, dopo aver perso il 4,4% nella giornata di ieri. Il valore dell'indice, nel finale di giornata, è tornato sopra i 18 mila punti (18.083). Anche gli altri indici europei più importanti hanno rimontato verso la chiusura della contrattazioni, ma il saldo si è mantenuto quasi ovunque negativo: Parigi ha ceduto lo 0,5%, Londra lo 0,25% e Madrid l'1,72%. Solo Francoforte ha chiuso in aumento (+0,1%). Male anche Wall Street, tuttora in ribasso di circa un punto percentuale.

Vendite - Il nuovo crollo arriva a poche ore dal varo della manovra finanziaria di Matteo Renzi, una manovra con la quale il premier sfida l'Europa, una manovra con la quale, secondo diversi analisti finanziari, rischia di esporsi alla furia dei mercati, pronti a punire nuovamente il Belpaese che si ribella ai vincoli di Bruxelles e, in parallelo, inasprisce il regime impositivo sulle rendite finanziarie. Mentre Piazza Affari crollava, Renzi spiegava che dalle difficoltà economiche che attraversano l'Europa "o si esce tutti insieme o la crisi sui mercati internazionali non avrà vincitori". E ancora: "Faremo di tutto perché l'Italia sia sempre più attrattiva per gli investitori esteri". Parole quasi grottesche nel momento in cui Piazza Affari veniva travolta da un'ondata di vendite e lo spread schizzava a 203 punti base rispetto al Bund tedesco, tornato ad attrarre capitali in qualità di bene rifugio. Lo spread nel giro di tre ore è salito di quasi 40 punti base, riposizionandosi sui massimi da otto mesi a questa parte. Nel corso della giornata, lo spread è poi sceso fino ai 172 punti base di chiusura.

Migrazioni - Malissimo i titoli bancari: Montepaschi ha ceduto addirittura l’8,71%. Banco Popolare ha ceduto lo 0,47%, Popolare di Milano il 4,85%, Intesa SanPaolo l’1,12%, Mediobanca lo 0,90%, Unicredit il 3,03%, Ubi Banca il 3,20%. Dopo i 20 miliardi di capitalizzazione persi ieri (276 miliardi in tutta Europa) quello di oggi è stato un bis: soldi che non vengono "bruciati", come si usa scrivere, ma che vengono invece dirottati verso lidi più sicuri quali i titoli di Stato tedeschi o americani o oppure ancora la yen, la valuta straniera ad oggi considerata più sicura. In parallelo, indice della scarsa fiducia verso la ripresa globale, continua la discesa del petrolio, che quota circa 80 dollari al barile. Alcuni osservatori, oltre al "virus Grecia" e alla manovra italiana, tra le cause del tonfo indicano anche la tensione aggiunta dall'epidemia di ebola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    17 Ottobre 2014 - 10:10

    Per forza i mercati si spaventano , ascoltano uno che non sa ciò che dice! Parla senza cognizione di causa e men che meno degli effetti.

    Report

    Rispondi

  • rocambole

    17 Ottobre 2014 - 09:09

    La cosa più esilarante e incredibile è stata quella di vedere il can da pagliaio e da lecco Renzi tenuto al guizaglio dal suo padrone Napolitano, come oggi a Milano, dopo le batoste della Borsa, dopo le batoste meteorologiche, dopo la bufala della manovra più pazza al Mondo, saltabeccava, gioiva, rideva, sghignazzava in mezzo alle tante autorità estere, ma sempre vicinissimo alla Merkel che dava f

    Report

    Rispondi

  • arwen

    16 Ottobre 2014 - 18:06

    "contratto a tutele crescenti, niente art. 18 e 0 tasse per i 3 anni, io sfido gli imprenditori..". Queste parole dovrebbero convincere chiunque abbia un po' di sale in zucca che Matteo di economia ne sa meno di mia nonna! Caduta del PIL, stagnazione del mercato interno, recessione e deflazione, sono concetti che l'uomo nn ha digerito. Così otterrà solo licenziamenti, precariato e 0 investimenti!

    Report

    Rispondi

  • mis25

    16 Ottobre 2014 - 16:04

    ancora qualche mese e sara' l'Italia a spaventare i mercati

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog