Cerca

Bancomat per autonomi e professionisti, il fisco chiude ai controlli

Bancomat per autonomi e professionisti, il fisco chiude ai controlli

I professionisti fanno pace col Fisco grazie al bancomat. Migliaia di lavoratori autonomi, come racconta il Sole 24 Ore, finalmente non dovranno più dimostrare che i prelievi effettuati dal bancomat e non documentati non corrispondono “a pagamenti in nero”. A stabilirlo è la sentenza n. 228 della Corte Costituzionale che decreta la fine di tale presunzione con cui il fisco finora ha condotto i suoi accertamenti sui redditi dei professionisti. La Corte ha infatti dichiarato incostituzionale la norma di legge che parla di “compensi” stabilendo come sia inapplicabile ai professionisti la conclusione secondo cui i prelevamenti di contanti non documentabili equivalgano a ricavi non dichiarati.

Il caso - A tale presunzione l’Agenzia delle entrate era pervenuta a seguito di una serie di provvedimenti legislativi in materia di accertamento delle imposte sui redditi. Di fatto secondo il fisco ai professionisti andava applicata la stessa “doppia presunzione” di legge valida per gli imprenditori: i prelievi non documentati per le imprese infatti erano solitamente considerati come finalizzati a sostenere dei costi “in nero” non dichiarati.

La sentenza - In questo modo i prelievi di contanti effettuati col bancomat venivano automaticamente considerati compensi in nero, salvo che il professionista non fosse in grado di produrre tutti i documenti relativi alle spese effettuate con tali contanti. Questo vincolo ora è decaduto. Insomma la presunzione nei confronti dei professionisti secondo la Cassazione è lesiva del principio di ragionevolezza e capacità contributiva ed è arbitrario per il Fisco ipotizzare che i prelievi ingiustificati da parte di un lavoratore autonomo siano destinati ad investimenti nell'attività professionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • accanove

    18 Novembre 2014 - 16:04

    non c'è da meravigliarsi, ormai una su due le sparate del fisco ottengono smentita in sede giudiziale

    Report

    Rispondi

  • Burocracy

    27 Ottobre 2014 - 23:11

    qualcuno degli estensori pagherà?

    Report

    Rispondi

  • marcomasiero

    27 Ottobre 2014 - 15:03

    se non rubo e dichiaro allora ritiro quanto voglio pago come voglio ! fine della storia e di simili leggi so bene cosa farne !

    Report

    Rispondi

  • dindox

    27 Ottobre 2014 - 10:10

    Anch'io presumo che il debito pubblico se lo siano rubato, quindi. Stato padrone, cittadino suddito, non va.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog