Cerca

Le cifre

Certificati e imbrogli: i finti malati ci costano 6,5 miliardi

Certificati e imbrogli: i finti malati ci costano 6,5 miliardi

L'assenteismo e i finti malati provocano alla Pa un danno pari a 6,5 milioni. A pesare sulle casse dello Stato non è solo il caso dei vigili di Roma o degli spazzini di Napoli. Ci sono anche i 126 dipendenti della Rap - la nettezza urbana di Palermo - che lo scorso anno si ammalarono fra natale e capodanno: "L'epidemico evento fu aggravato dall'infittirsi dell'attività sindacale proprio nei giorni compresi fra cenone e cenone, così la città, già di per sé non un esempio mondiale di raccolta e riciclo, si ritrovò sommersa da rifiuti ordinari e straordinari". Al teatro Bellini di Catania, invece, i dipendenti erano addirittura riusciti a farsi pagare come straordinario le ore di permesso sindacale e, per passare al nord, si può parlare "dei 77 dipendenti (su poco più di cento) della Regione a Rovigo che si volatilizzavano in orario d'ufficio e quelli delle soprintendenze del Friuli Venezia Giulia, dove i più vivaci arrivarono ad accumulare 110 ore di assenza in tre mesi".

La mappa dei fannulloni - L'epidemia colpisce tutta l'Italia e hanno una geografia ben precisa, come riporta La Stampa: "Ci si ammala molto di più al centro (0,725 giorni/dipendenti) ed al Sud (0,607) che nel Nord est (0,386) e nel Nord Ovest (0,403)". Come recensito dall'Inps, nel solo 2013 sono andate in funo "oltre 108 milioni di giornate di lavoro: 77,6 nel settore privato e 30,8 nel settore pubblico, dove si registra un totale di 4.838.767 'eventi'". Secondo i dati del ministero, però, le assenze per il 2014 sarebbero diminuite del 9%.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • amiantodi

    10 Febbraio 2015 - 10:10

    Fate caso che mentre una volta uno spazzino o vigile o autista fino a 50anni rendeva ed il suo lavoro lo svolgeva abbastanza bene (le eccezioni ci sono sempre) erano controllati da un capo turno e tutto si svolgeva abbastanza bene.Oggi a 55anni si è invecchiati si è più cagionevoli di salute.Alla Fornero un giorno qualcuno Le renderà merito per tutto il male che ha provocato .

    Report

    Rispondi

  • amiantodi

    10 Febbraio 2015 - 10:10

    si parla di assenteismo d'altronde non si vuol capire che questo è il frutto delle cattive politiche sul lavoro. Tempo addietro c'erano i capi turno che erano frutto dato dall'esperienza di lavoro.un faro per la cariera lavorativa erano loro che controllavano e valutavano l'andamento della squadra,e avevano poteri discilpinari oggi ci sono i dirigenti che si sentino frustrati e sono più assenteist

    Report

    Rispondi

  • blues188

    09 Febbraio 2015 - 16:04

    Basta guardare nel pubblico impiego quanti mollano il lavoro per tornarsene a al Sud durante le feste e durante i mesi estivi. Non vengono accettati i controlli, visto che al Sudde si tengono bordo tra loro. Ma nessuno che affronti questa piaga? Abbiamo oltre 600 parlamentari e nessuno si sveglia?

    Report

    Rispondi

  • biasini

    05 Gennaio 2015 - 09:09

    I 6,5 miliardi del titolo diventano 6,5 milioni nell'articolo. Quando si dice l'accuratezza delle notizie......!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog