Cerca

Qui crolla tutto

Il Fmi cancella l'Italia: "Sarà peggio della Grecia". Ecco il documento del terrore

Il Fmi cancella l'Italia:

L'Italia bocciata dal Fondo monetario internazionale, che ha rivisto al ribasso le stime di crescita dell’Italia, portandole al +1% nel 2016 e al +1,1% nel 2017, a fronte dei rispettivi +1,3% e +1,2% stimati a gennaio. È quanto emerge dall’aggiornamento del World Economic Outlook. Il governo italiano ha aggiornato le proprie previsioni con il Def pubblicato venerdì scorso, che stima un Pil al +1,2% e al +1,4% rispettivamente per il 2016 e per il 2017.

E non solo. Secondo il Fmi guidato da Christine Lagarde, anche la crescita dell'Italia è destinata a non decollare: secondo le stime, infatti, il Pil italiano si attesterà a +0,8% nel 2021, ai livelli del 2015, il tasso più basso fra le economie dell’Eurozona. Persino la Grecia è stimata nel 2021 crescere dell’1,5% mentre fra le grandi, solo il Giappone dovrebbe fare peggio con un Pil in aumento solo dello 0,7%.

Sull’Italia pesano inoltre le sofferenze del sistema bancario. Lo ha sottolineato il capo economista del Fmi, Maurice Obstfeld, spiegando perché nel World Economic Outlook la crescita italiana viene definita più debole del previsto. "Tutta l’Europa è alle prese con prospettive di crescita più basse. L’Italia in particolare è alle prese con problemi legati alle sofferenze del sistema bancario", ha sottolineato Obstfeld. "Quando questi problemi saranno risolti, e il governo è al lavoro su questo fronte - ha osservato il capo economista dell’Fmi - le prospettive per l’Italia miglioreranno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ilsovranista

    13 Aprile 2016 - 08:08

    ... altri privilegi e soldi per le banche in questa dittatura economica chimata Europa.

    Report

    Rispondi

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    13 Aprile 2016 - 08:08

    per risanare l'italia ci vuole poco, via 500 mila pensionati baby, via tutte le pensioni sopra i 1500 euri, via i vitalizzi, via almeno 2 milioni di statali e comunali, via le case popolari, via tutti i profughi nullafacenti, via l'esercito, perché l'italia ripudia la guerra, l'esercito non ci serve, via le regioni a statuto speciale, tutte all'ordinario, fatto solo questo cambia tutto, il pilVOLA

    Report

    Rispondi

  • gescon

    13 Aprile 2016 - 06:06

    Il compagno cecchini non si rende conto di cosa sta succedendo in Italia oppure lo sa ma gli va bene posto che appartiene alla folta schiera degli assistiti di stato.

    Report

    Rispondi

  • gianni1946

    gianni1946

    13 Aprile 2016 - 00:12

    Con la politica fatta di ruberie,, è gia molto se siamo a galla,,,

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog