Cerca

Il verdetto

Un voto contro euro e tasse:
così l'Italia ha detto basta

Promosso chi, come Berlusconi e Grillo, si propone di abbassare il carico fiscale e di rinvigorire le nostre imprese. Bocciato chi, come Bersani e Monti, ha in testa solo i diktat europei

Un voto contro euro e tasse:
così l'Italia ha detto basta

Dettagli. Restano soltanto da definire i dettagli. Ma la ciccia, la sostanza è chiara. Lampante. Non si tratta soltanto della cronica incapacità della sinistra di vincere, non si tratta soltanto del fatto che Pier Luigi Bersani passerà alla storia, con tutta probabilità, come il più grande perdente della storia repubblicana italiana. E non si tratta nemmeno dell'immortalità di Silvio Berlusconi o del botto fragoroso di Beppe Grillo. La sostanza è che l'Italia ha espresso un voto chiaro, nitido e senza possibilità di smentite contro le tasse e contro l'euro. Contro le tasse perché, è chiaro, ha fatto incetta di voti chi ha promesso di abbassare il carico fiscale (Berlusconi) mentre è stato bocciato chi voleva introdurre una patrimoniale (Bersani). Contro le tasse perché Grillo (come il Cav) si propone come alleato di quel tessuto imprenditoriale che è la spina dorsale del nostro Paese (al contrario di Bersani, che in dote ci avrebbe portato ancor più Stato, burocrazia e Fisco). Ma c'è un altro verdetto importante: quello contro l'euro.

Contro la moneta unica - Il Cavaliere, tra una battuta e una "ritirata", non ha mai lesinato stoccate contro la moneta unica e contro le istituzioni che la governano. Istituzioni europee che, di riflesso (ma nemmeno troppo) ci hanno imposto il governo tecnico di Mario Monti e la strana maggioranza. "Ce lo ha chiesto l'Europa", era il refrain più in voga ai tempi dell'insediamento del Professore. E anche dopo. L'Europa, l'euro e lo spread ci hanno fatto camminare sui carboni ardenti dell'Imu, delle tasse, dei balzelli, della disoccupazione e della cupa austerità. Gli italiani hanno detto "basta", "stop". Questa una delle chiavi di lettura per interpretare il voto che ha decretato l'ingovernabilità del Senato e che ha consacrato Beppe Grillo con una vagonata di voti. Il leader del Movimento 5 Stelle è l'astro nascente (e abbagliante) del firmamento parlamentario. E Grillo, contro l'euro, ha sempre predicato, tanto da annunciare di voler promuovere un referendum contro la moneta unica.

Effetto boomerang? - Un voto, quello contro l'euro, che non è soltanto "pancia". E' una scelta. Per altro molto rischiosa. C'è da scommetterci, appena riapriranno i mercati la pagheremo cara. La Borsa tracollerà, lo spread schizzerà alle stelle. Le prime avvisaglie ci sono state anche a urne aperte e durante lo spoglio. Si vociferava di un governo di sinistra solido, magari con l'appoggio di Monti, e i listini volavano. Lo spread scendeva. Poi si è delineato il quadro di incertezza, con un Senato ingovernabile, la Borsa ha azzerato i guadagni e lo spread è volato sopra i 300 punti base. Il segnale è chiaro: i mercati, l'Europa e l'euro, ci controllano e ci marcano stretto. Il voto di protesta potrebbe trasformarsi in un doloroso boomerang per gli italiani. Gli spettri sono quelli di una nuova crisi, di un nuovo governo tecnico, di altre manovre e sacrifici per compensare il fatto che l'Italia ha votato contro il Vecchio Continente, contro i diktat di Angela Merkel e contro la dittatura di una moneta che dalla sua introduzione non ci ha mai fatto percepire alcuna situazione di reale convenienza o vantaggio.

Le tasche piene - Non è un caso che dopo le notizie filtrate dalle urne italiane l'euro abbia chiuso debole, sui minimi di giornata, in flessione a 1,32 dollari (e la flessione continuerà). Non è un caso che per il momento, dalle istituzioni continentali, sia giunto soltanto un preoccupato silenzio sul nostro voto. E ora, si chiedono, che si fa? Di margini per creare un governo ce ne sono pochi, anzi nulli. Le intese sono inesistenti. Probabilmente si tornerà al voto, con tutti i tempi tecnici e l'immobilismo parlamentare che ne consegue, e in un quadro così frammentato la possibilità che il fronte del voto anti-euro si espanda a macchia d'olio è tutt'altro che marginale. Tra le poche voci che si sono levate, ecco quella di Martin Schulz, da noi più celebre come il "kapò", oggi presidente del Parlamento europeo, da sempre fiero oppositore di Berlusconi. "Spero che l'Italia possa avere un governo stabile", ha detto quando già era chiaro che un governo stabile non ci sarebbe stato. Il signor Schulz predica nel deserto. Il dado è tratto. L'Italia, a suo modo, ha votato contro l'euro. Le conseguenze saranno esplosive e imprevedibili. Il futuro - della moneta unica e del nostro Paese - è tutto da scrivere. Il voto ha chiarito poco e nulla, se non che dell'euro gli italiani ne hanno le tasche piene (ovvio, solo in senso figurato).

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    28 Febbraio 2013 - 19:07

    La lettura corretta del voto è proprio quella nel sottotitolo: hanno vinto chi vuole la crescita e perso chi privilegia il rigore. Cav./Grillo, pur essendo agli antipodi, promuovono la stessa ricetta crescita e meno tasse mentre Bersanov/Monti vogliono rigore e tasse contro ogni logica. Questa la realtà dei fatti ed il significato del voto.

    Report

    Rispondi

  • rexrixray

    26 Febbraio 2013 - 19:07

    Basta Euro e partiti pro Euro. Ci avete stancato!

    Report

    Rispondi

  • vangalesta

    26 Febbraio 2013 - 17:05

    Sarebbe a dire che chi ha votato PD, oltre all'euro ha votato anche per le tasse !!!? No cari miei chi ha votato PD si è voluto assicurare il posto fisso statale altro che cazzi. Bersani è un fottuto conservatore e gli conviene perchè senza quei voti va a casa ! Nessuno lo ha mai scritto ma molti punti del programma M5S fanno scopa con quelli del PDL. Qualcuno strabuzzerà gli occhi ma vedrete come andrà a finire.

    Report

    Rispondi

  • foreigner019

    26 Febbraio 2013 - 14:02

    Il mio sogno per il bene dell’Italia: PDL & PD fare un accordo per sei mesi di governo insieme (possibilmente senza egoismi) solamente per cambiare la costituzione introducendo il BIBARTITISMO ed abolendo il senato. Poi tornare alle elezioni. Solo allora si avrà' finalmente un partito con la reale maggioranza, con la forza di governare fino alla scadenza e con chiare responsabilita' Per quanto penoso possa essere questa è la sola soluzione di lungo termine che sanificherebbe l’Italia tornando alla posizione in Europa e nel mondo che ci merita.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog