Cerca

Tasche sempre piene

I top manager delle banche italiane guadagnano 42 volte di più di un dipendente: 1,64 milioni all'anno

La crisi non bussa a casa dei top manager degli istituti di credito: quelli italiani sono tra i più ricchi d'Europa

I top manager delle banche italiane guadagnano 42 volte di più di un dipendente: 1,64 milioni all'anno

La crisi non bussa alla porta dei banchieri. La retribuzione media dei cento top manager bancario in Italia è di 1,64 milioni di euro. Dato che fa guadagnare all'Italia il quinto posto della classifica europea per numero di “top earners”, i manager più pagati dei vari istituti di credito d'Europa, come segnala la European Banking Authority (EBA) nell’ultimo report pubblicato. Davanti abbiamo soltanto la Germania, con 1,8 milioni di euro a testa, e sosprendentemente (visto che si tratta di paesi in cui la crisi morde in modo particolarmente feroce) la Grecia (2 milioni) e la Spagna dove mediamente i dirigenti hanno incassato nel 2011 ben 2,4 milioni ciascuno con un aumento individuale di 100 mila euro rispetto all’anno precedente. E il Portogallo con 1,7 milioni di media.

Buste paga sproporzionate -  Ma c'è un altro dato da tenere d'occhio: il gap in busta paga tra un dirigente e un impiegato. Maglia nera all'Italia. Nel Belpaese un top manager di un istituto di credito riesce a gudagnare ben 42 volte in più di un semplice impiegato. A far luce sulla sproporzione delle retribuzioni è questa volta uno studio di Fiba Cisl. Per Enrico Cucchiaini di Intesa Sanpaolo (nella foto), il rapporto rispetto alla media Abi è stato addirittura di 108 a 1. Federico Ghizzoni di Unicredit ed Enzo Chiesa di Bpm hanno ricevuto retribuzioni superiori alla media rispettivamente di 82 e 80 volte. Ad un top manager italiano bastano 3 giorni per guadagnare la complessiva retribuzione di un impiegato. 

Quota fissa - Infine, c'è la zavorra della componente fissa sulla busta paga dei top manager. In Italia lo stipendio variabile, costituito da bonus e benefit vari accordati ai dirigenti, vale solo 47% della retribuzione totale contro il 72% della Germania e il 78% del Regno Unito. Insomma ai banchieri di casa nostra piace poco il rischio. Vanno sul sicuro con un 53% di retribuzione fissa. In tempi di crisi meglio tenersi ben strette le certezze. A sei zeri. (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pier47

    17 Luglio 2013 - 18:06

    Buongiorno, DATEMI IL 51% E 6 MESI, MI BASTANO Saluti e smettetela di scrivere,non conta nulla,vediamo con i fatti.

    Report

    Rispondi

  • giannistecca

    17 Luglio 2013 - 17:05

    E' una vergogna che in un paese come l'Italia succedano queste cose. Stipendi milionari, in euro, equivalenti a miliardari in vecchie lire e per fare cosa: raccogliere soldi degli altri e dallo stato, non pagare interessi passivi ai correntisti, applicare altresì interessi usurai su prestiti e muti, quando li concedono, e loro stipendi da mille e una notte. Mi verrebbe da dire che facevano bene i banditi sardi a rapire queste persone per far loro sborsare un po' di soldi. Il colmo è che si scelgono anche il sistema per prendere i soldi: privilegiano il fisso quando le cose sono un po' traballanti, pronti a cambiare non appena le cose migliorano. E vorreste dirmi che non c'è bisogno di una rivoluzione? Di quelle messicane di inizio '900 ci vorrebbe. Non è giusto questo sbilanciamento in un paese dove i poveri stanno crescendo in maniera esponenziale. Fino a quando? Fino a quando si ripeterà un altro aprile 1945: vorrei che fosse domani. Si cari W LA RIVOLUZIONE.

    Report

    Rispondi

blog