Cerca

Rapporto deficit-Pil al 9,3%

Mai così negativo dal '99

6
Rapporto deficit-Pil al 9,3%
Il rapporto tra deficit e pil al 9,3%, registrato nel primo trimestre 2009 è il dato più negativo dal 1999, anno in cui è cominciata la serie statistica dell'Istat. L'Istituto ricorda che il dato diffuso oggi sull'indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche è conforme alle regole di contabilità europea (sec 95) ma «differisce dalla stima annuale calcolata ai fini della notifica dei parametri di Maastricht». La differenza tra i due metodi di calcolo riguarda il trattamento delle operazioni di swap. Da ricordare anche che tradizionalmente il primo trimestre dell'anno è quello in cui si registra il rapporto più alto tra deficit e pil, che poi nel corso dell'anno viene corretto con le decisioni di politica economica. In valore assoluto l'indebitamento netto registrato nel primo trimestre è pari a 34,082 miliardi di euro.

I dati tecnici- Il saldo corrente, nel primo trimestre, è stato negativo per 21,977 miliardi, con un'incidenza sul Pil di -6% (-11,257 nel 2008, -3%). Le entrate totali sono diminuite del 2,8% tendenziale, con un'incidenza sul Pil del 39,9% (39,8% nel corrispondente trimestre del 2008): le entrate correnti sono diminuite del 2,9% per l'effetto combinato della di una diminuzione delle imposte dirette (-4,6%), delle imposte indirette (-4,9%) e dei contributi sociali (-0,1%), e della crescita delle altre entrate correnti (+0,9%).Le entrate in conto capitale sono salite del 24,8% tendenziale.
Le uscite totali sono aumentate del 4,6% tendenziale, con un valore rispetto al Pil del 49,2% (45,6% nel 2008): le uscite correnti sono salite del 3,9%, per la crescita del 7% dei redditi da lavoro dipendente (sui quali hanno influito i rinnovi contrattuali dei dipendenti dei ministeri, della scuola, degli enti pubblici non economici, dell'università e degli enti di ricerca), del 7,4% dei consumi intermedi, del 5,6% delle prestazioni sociali in denaro, dello 0,3% delle altre uscite correnti e di una diminuzione del 7,8% degli interessi passivi (che risentono della discesa dei tassi di interesse iniziata negli ultimi mesi del 2008). Le uscite in conto capitale sono aumentate in termini tendenziali del 15,3% a causa dell'incremento degli investimenti fissi lordi (+17,4%) e delle altre uscite in conto capitale (+12%). L'aumento degli investimenti fissi lordi, sottolineano i tecnici dell'Istat, è stato influenzato dal ritrasferimento agli enti di previdenza degli immobili non ancora venduti nell'ambito delle operazioni Scip classificati come investimenti.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sdavids

    15 Luglio 2009 - 14:02

    L'unico giornale veramente Libero è questo che leggo dalla nascita e pertanto invito tutti ad approfondire l'enigma del "debito pubblico" col sistema del "signoraggio". Pochi Paesi al mondo hanno il "debito" quelli più industrializzati. Guarda caso la Cina o la Russia o il Brasile no!!!!! Parliamone veramente.

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    02 Luglio 2009 - 19:07

    Appunto idee e non insulti. Il rapporto deficit Pil mai così alto, perchè alla base c'è l'aumento della spesa pubblica e la diminuzione delle entrate fiscali, perchè c'è la crisi.Tutte le nazioni sono in affanno, non è che sia una prerogativa dell'Italia. E meno male che ci siamo salvati dalla bancarotta. Ora per fare ripartire il motore il governo aveva proposto il piano casa, perchè se riparte l'edilizia si ristora l'occupazione e tante fabbriche. L'edilizia è un grande volano dell'economia. Indovinate chi si è opposto? Le regioni rosse ed il partito progressista. Per il quale forse la cosa migliore è mettere un'altra legnata di tasse. Che poi sono soldi tolti dalle tasche dei citatdini, che già non spendono più, figuriamoci se poi li tassi ancora. Quindi meno critiche e più proposte ammesso che si sia in grado si poterle e saperle fare. Allora xwil a aprte insulti, cosa proponi per ridare fiato all'economia ed al PIL?

    Report

    Rispondi

  • jack1980

    02 Luglio 2009 - 11:11

    O create una tabella o un grafico con l'andamento di questi indici nel tempo, oppure sparare questi numeri così non serve a niente!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media