Cerca

La Cina mette in pericolo la "pummarola"

L'allarme della Coldiretti. Ogni anno 82 milioni di chili spacciati come prodotto italiano

La Cina mette in pericolo la "pummarola"
La Coldiretti lancia l’Sos Pummarola. Dopo l’allarme dei vetrai di Murano sulle imitazioni provenienti dalla Cina, l’associazione degli agricoltori italiani ha rilanciato le sue preoccupazioni su un altro prodotto del "made in Italy" seriamente minacciato dalle importazioni cinesi: il pomodoro.
Secondo i dati snocciolati dalla Coldiretti, infatti, la prima voce delle importazioni agroalimentari dalla Cina sono proprio i pomodori conservati. Solo nel 2009 il quantitativo approdato nei porti italiani è stato di ben 82 milioni di chili, ovviamente spacciato come prodotto della nostra terra. Visto che la produzione nazionale di prodotto fresco nel 2009 è stata pari a 5,73 miliardi di chili, il succo dei vegetali asiatici è pari al 10% della produzione nazionale.
“La beffa dipende dal fatto che sui contenitori al dettaglio è obbligatorio indicare solo il luogo di confezionamento, ma non quello di coltivazione del pomodoro – affermano i responsabili della Coldiretti –. Dalle navi provenienti dall’Oriente sbarcano fusti di oltre 200 chili di peso con concentrato da rilavorare e confezionare. Ogni giorno in media arrivano nei porti italiani oltre mille fusti di concentrato di pomodoro dalla Cina che finisce sulle tavole mondiali come condimento tipico dei piatti Made in Italy”.

La Cina ha iniziato la produzione di pomodoro nel 1990 e oggi rappresenta il terzo bacino di produzione dopo Stati Uniti e Unione Europea, con circa la metà del concentrato esportato proprio in Italia. La produzione cinese di concentrati di pomodoro è localizzata nei territori di Junggar e Tarim, nella regione di Xinjiang, a nord-ovest del Paese nei pressi del confine con il Kazakistan dove operano due grandi gruppi: Tunhe, che opera dal 1993 e Chalkis Tomato.

Richieste – Secondo la Coldiretti, per mettere un freno a questa situazione sono necessarie pochi espedienti
“Chiediamo un protocollo sanitario specifico per il controllo del pomodoro concentrato cinese all’ingresso nei porti comunitari, l’obbligo di indicare l'origine del pomodoro utilizzato nei derivati del pomodoro e l'immediata attivazione del meccanismo di salvaguardia con un dazio doganale aggiuntivo come misura antidumping prevista dalla normativa comunitaria”. Misure protezionistiche o no, in ballo c’è la tutela della qualità del “Made in Italy”, ossia la carta vincente su cui le aziende nostrane puntavano per uscire dalla crisi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • biribixi

    11 Giugno 2011 - 16:04

    Come! Nemmeno il tempo di gioire per lo storico sorpasso sulla Francia (il vino) che i cinesi ci soffiano "a' pummarola". Come direbbe il filosofo Sticazzi: stiamo freschi!

    Report

    Rispondi

  • Odescalchi

    05 Luglio 2010 - 12:12

    Qualcuno si è mai domandato chi e come ha in mano, ovvero gestisce questo mercato? Siamo tutti ingenui? Stupidi, furbi eccetera....O più semplicemente in malafade?

    Report

    Rispondi

  • castalia

    28 Giugno 2010 - 13:01

    La sinistra ha spalancato le porte e continua a proteggere le contraffazioni cinesi che riguardano merci di tutti i tipi. A Prato c'è l'esempio eclatante di come si sia fatto distruggere il tessile italiano. Nonostante ciò gli abitanti delle regioni "rosse" , tra cui la Toscana, continuano a votare nello stesso modo. Rimane difficile capire come la terra che ha dato i natali a personaggi come Dante Alighieri perseveri nella sua autodistruzione! Si vanificano le leggi necessarie per contenere l'immigrazione. Si permettono ricongiungimenti di famiglie numerose con cifre irrisorie e i ricongiunti vanno ad appesantire il sociale che è il vanto delle sx a cui piace importare la povertà e caricarla sulle spalle degli italiani. Bloccati gli sbarchi Berlusconi blocchi i ricongiungimenti con normative più giuste come fa Cameron in Inghilterra ed espulsioni reali dei clandestini non virtuali come accade

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    27 Giugno 2010 - 14:02

    a importare roba ( scadente ) cinese

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog