Cerca

L'editoriale

La sinistra fa i condoni ma gli cambia il nome

19 Ottobre 2014

2

Basta la parola, diceva Tino Scotti in un famoso spot di Carosello quando la tv era ancora in bianco e nero. Eh, sì, basta la parola. O meglio, basta cambiare la parola e tutto diventa più accettabile. Da losco e brutto che era, con una parola diversa il provvedimento di un governo può diventare infatti ineccepibile e perfino bello. Ecco, si cancelli dunque il termine condono e lo si sostituisca con sanatoria, che derivando da sanare, cioè rendere sano, non fa lo stesso effetto di condono, che già da solo fa intravedere un dono. Anzi, meglio, chiamiamola all'inglese voluntary disclosure, rivelazione volontaria, manco fosse l’annunciazione. E così, il tanto esecrato condono fiscale, ossia la madre di tutti gli orrori che a detta della sinistra favoriscono l’evasione fiscale, cambia nome e con il governo del cambiamento di verso diventa sanatoria fiscale. (...)

Clicca qui, acquista una copia digitale di Libero e leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frankie stein

    20 Ottobre 2014 - 16:04

    Dov'era Dir. Belpietro quando si stracondonava dall'altra parte? Distrarsi era giusto od opportuno?

    Report

    Rispondi

  • andrea.toscano757

    19 Ottobre 2014 - 17:05

    Gli elettori non sono mica stupidi. Se il pd ha "quasi perso" le elezioni contro un centrodestra allo sbando e con un leader dimezzato, un motivo ci sarà.

    Report

    Rispondi

media