Cerca

La "passione" di Cristo

British Library, il libro scandalo su Gesù: sposato con Maria Maddalena, avevano due figli

British Library, il libro scandalo su Gesù: sposato con Maria Maddalena, avevano due figli

Un libro scritto su pergamena in siriaco nel 570 D.c. custodito alla British Library, la biblioteca nazionale del Regno Unito, racconta la storia più importante del genere umano, racconta il legame tra Gesù e Maria Maddalena e la loro progenie. Non si tratta di un romanzo alla Dan Brown, anche se la trama sembra essere in piena linea con il Codice da Vinci, ma un codice proveniente da un monastero egizio ed acquistato nel 1847 dal British Museum. Il testo originariamente scritto in aramaico potrebbe essere ancora più antico. Tradotto e redatto in 29 capitoli, racconta la storia del giovane Joseph, considerato dal faraone d'Egitto, il figlio di Dio. Solo 20enne Joseph sposa Aseneth, che gli dà due figli. I nomi sono differenti ma il collegamento con le figure cristiane è fin troppo scontato e il dubbio sulla distorsione dei nomi al fine di occultare la vicenda è molto alto; basti pensare che fine hanno fatto i vangeli apocrifi. Maria Maddalena è da sempre stata una delle figure cardine della cristianità popolare, anche leggendo i Vangeli di Marco, Luca, Matteo e Giovanni, si può notare come Maddalena aveva un ruolo da protagonista nella vita di Gesù. Sempre presente nei momenti più importanti, crocifissione, sepoltura e scoperta della tomba vuota, a lei si rivolge Gesù dopo la sua resurrezione ed inoltre lava il corpo di Cristo cosa consentita solo alle mogli. Ad avallare tale ipotesi, le dichiarazioni della docente di Harvard Karen L. King che due anni fa, aveva annunciato la scoperta di un frammento di papiro nel quale si legge: "E Gesù disse loro: mia moglie...". Negli ultimi anni il numero di documenti antichi che confermerebbero tale tesi è in continua crescita e sempre più studiosi si stanno dedicando a questo mistero. Barrie Wilson, docente canadese di studi religiosi, e Simcha Jacobovici, scrittore israelo canadese nel loro nuovo libro: The Lost Gospel sostengono che questo manoscritto contenga molte verità, alcune delle quali censurate. In un passo del loro libro Jacobovici e Wilson azzardano la teoria per la quale ci sarebbe stato un complotto per uccidere Gesù da un rivale d’amore, 13 anni prima della Crocifissione. Tale rivale potrebbe essere stato il figlio del faraone che voleva sposare Aseneth. La Chiesa in Inghilterra considera quelle che i due autori chiamano prove, solo frutto della fantasia. Che si possa trattare di una trovata pubblicitaria, o dell'ennesima testimonianza che porterà solo ad altri interrogativi, è opinione comune. Domani, però, la stessa British Library terrà una conferenza stampa, sul manoscritto in questione e promette di rivelare altri dettagli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Fabio Halt

    12 Novembre 2014 - 18:06

    Periodicamente esce sempre qualcosa di anti-cristiano che, senza nemmeno più il senso del ridicolo, tirano fuori "nuovi documenti" o meglio "nuovi papiri". Non ho ancora visto "nuovi documenti" su Maometto, Budda o Krishna. Non è solo una forma di violenza verso i credenti (come quella del poveretto ce mi precede) ma evidentemente c'è un motivo, cui voi responsabilmente vi prestate

    Report

    Rispondi

  • alfa553

    12 Novembre 2014 - 13:01

    Ma chi se ne fotte !!!!!!!! delle sciocchezze che predica la chiesa.Imbroglioni da 2000 anni. W Giove e W Nettuno.W Minerva e Atena.

    Report

    Rispondi

  • direnzomlg

    12 Novembre 2014 - 11:11

    Non basta la bufala del Codice da Vinci? Ancora si diffondono queste storie, che hanno un solo comune denominatore la calunnia come informazione e cultura? Dal British Museum, dalle Logge? Come Dan Brown? Potrebbero raccontare di nuovo Cappuccetto rosso. Un codice del 500 d. C. sarebbe una testimonianza storica autentica di Gesù! Nessuno pensa che è una fantasia al modo degli apocrifi.

    Report

    Rispondi

    • ramadan

      12 Novembre 2014 - 16:04

      per direnzomig delle 11,11 :le fantasie sono bibbia e vangeli,la chiesa ha approfittato della credulità popolare per fare affari grazie allaingenutà della povera gente.vorrei mi spiegassi la differenza fra gli dei, dei greci e romani, e i vari santi protettori che ci sono nella chiesa e fra le statue dei santi e delle madonne e quelle delle deee di un tempo. non è idolatria anche questa ?grazie

      Report

      Rispondi

  • blues188

    12 Novembre 2014 - 09:09

    Uno scritto di 550 anni? Cosa può voler significare? Bah, anche per l'Italia, dopo un centinaio di anni risulta che sia stata la volontà popolare (già già) a volerla. Invece è stata la Massoneria, con Garibaldi e Mazzini (quest'ultimo poi, era terribile. C'è ancora il suo ritratto all'Onu!) e compreso Cavour. Sono loro che hanno voluto questa schifezza. Quindi questa cosa rimane carta straccia.

    Report

    Rispondi

    • nick2

      12 Novembre 2014 - 12:12

      Hai ragione! Questo libro è carta straccia perché l’unità d’Italia non è stata voluta dal popolo. Lapalissiano! Il ragionamento non fa una grinza! Sempre sulla palla il nostro blues!

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog