Cerca

I filmati dei tagliagole

Isis, parla il videomaker: "Vi racconto cosa c'è dietro i video dell'orrore"

Isis, parla il videomaker: "Vi racconto cosa c'è dietro i video dell'orrore"

Il web ormai è invaso da immagini dell'orrore firmate Isis, e continua senza sosta la carneficina degli ostaggi uccisi dai tagliagole. Per i folli islamisti è centrale la figura dei videomaker che realizzano le clip della propaganda jihadista. Il montaggio delle atroci esecuzioni, insomma. A raccontare la genesi di questi filmati è proprio un videomaker contattato dall'Isis, che gli avrebbe offerto uno stipendio. La sua versione dei fatti l'ha raccontata al Financial Times: "Avrei guadagnato 1500 dollari al mese, avrei avuto una macchina e una casa. Sarebbe stato cinque volte di più di quello che avrei mai potuto guadagnare". Secondo la Cia sarebbe stato un vero e proprio affare, infatti si calcola che lo stipendio medio di un miliziano ammonta a circa 400 dollari mensili. Il professor John Horgan dell'University of Massachussetts Lowell, esperto di terrorismo ha aggiunto: "La fase di montaggio è curata al massimo. Correggono il colore e usano diversi effetti visivi, poi danno ritmo alle immagini con i tagli. Realizzano un prodotto per amplificare il sentimento d'ansia. Concepiscono la guerra psicologica in un modo che non comprendiamo appieno. Il pubblico di riferimento del video sul pilota giordano sono i paesi del Golfo, per convincerli a sospendere i raid aerei". In tutto ciò stanno nascendo delle vere e proprie star dell'orrore, come il boia inglese apparso nel video della decapitazione di Foley, l'ormai tristemente celebre "jihadi John".  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog