Cerca

La sentenza

Corte Strasburgo: Sì all'adozione dei figli del partner

La Corte di Strasburgo apre alle coppie omosessuali: la pronuncia è definitiva e il principio vale per tutti e 46 gli Stati membri. Il caso in Austria

Corte Strasburgo: Sì all'adozione dei figli del partner

L'Europa si schiera a favore delle adozioni per le coppie omosessuali, che devono "avere il diritto ad adottare i figli dei compagni, così come avviene per le coppie eterosessuali non sposate". Questa la posizione presa della Corte europea dei diritti umani in una sentenza emessa dopo un ricorso presentato da una coppia di donne austriache e dal figlio di una di loro.

Vale per tutti - La pronuncia - definitiva poiché emessa dalla Grande Camera della Corte di Strasburgo - riguarda l'Austria, ma i principi valgono per tutti gli altri 46 Stati membri del Consiglio d'Europa. Nella pronuncia la Corte afferma che l'Austria ha violato i diritti dei ricorrenti perché li avrebbe discriminati sulla base dell'orientamento sessual del partner, considerato che nle Paese l'adozione dei figli dei compagni è possibile per le coppie eterosessuali non sposate.

Il commento del Cav - La sentenza è stata subito commentata da Silvio Berlusconi: "Non ci piace pensare a matrimonio ufficiali tra omosessuali - ha rimarcato il leader del Pdl -, ma riconosciamo la tutela dei diritti di chi è in questa situazione". Quindi sull'adozione: "Io su questo non ho un mio parere definitivo, non sono un tuttologo e certe cose non sono riuscito ancora ad approfondirle".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Free2010

    19 Febbraio 2013 - 17:05

    Per quelli che "io credo che un bambino dovrebbe crescere con un padre e una madre". Le famiglie fondate da coppie dello stesso sesso già esistono. Per questi bambini la loro famiglia sono i due genitori che li stanno crescendo e si stanno prendendo la cura di loro. Uno è sempre il genitore biologico. Se gli/le succede qualcosa voi che cosa vorreste che il bambino fosse affidato ad altri? Messo in un orfanotrofio? Questo sarebbe avere a cuore il bene del minore? Queste coppie vanno riconosciute come famiglie e tutelate, in modo che il bambino rimanga nel nucleo familiare nel quale è cresciuto fino a quel momento. Oltretutto “un crescente numero di studi scientifici dimostra che i bambini che sono stati allevati da uno o due genitori gay o lesbiche sono emotivamente, cognitivamente, socialmente e sessualmente equivalenti a coloro che sono cresciuti con genitori eterosessuali” (American Academy of Pediatrics).

    Report

    Rispondi

  • maurizio52

    19 Febbraio 2013 - 14:02

    avremo cervelli confusi senza più una propria identità. gli etero saranno i diversi

    Report

    Rispondi

blog