Cerca

Afghanistan, scoperte riserve minerarie per mille miliardi di dollari

Ricchezze nel sottosuolo trovate da geologi americani

Afghanistan, scoperte riserve minerarie per mille miliardi di dollari
L’Afghanistan è destinato a diventare “l’Arabia Saudita del litio”, metallo leggerissimo utilizzato dalla tecnologia informatica per realizzare batterie. Geologi americani coadiuvati da una squadra del Pentagono hanno scoperto giacimenti minerari dal valore stimato in mille miliardi di dollari. Non solo litio, ma anche oro, cobalto, ferro: tutti minerali rimasti nascosti nel sottosuolo e rinvenuti da una missione del governo americano incominciata oltre cinque anni fa. Gli studiosi sono partiti dalle vecchie mappe e dai dati raccolti dagli esperti russi durante l’occupazione sovietica degli anni Ottanta. I giacimenti sono sparsi in tutto il paese, concentrati nel centro-sud.

Per l’Afghanistan di Karzai, uno stato instabile e in balia della corruzione, la notizia diffusa dal New York Times:“Una riserva talmente vasta e ricca di materie essenziali per l’industria moderna – racconta la fonte del quotidiano newyorchese – da poter trasformare l’Afghanistan in uno dei centri minerari più importanti del mondo”.

Le speranze sono grandi per una scoperta che potrebbe cambiare le sorti del paese mai pienamente pacificato dopo l’intervento militare del 2001. Anche se potrebbero servire anni per sviluppare l’industria estrattiva, “il potenziale è tale da riuscire ad attrarre investimenti anche prima che le attività vengano avviate, fornendo posti di lavoro che potrebbero distrarre dal fomentare la guerra” scrive il New York Times.

Anche gli ambienti militari US accolgono la notizia in modo positivo. “C’è un potenziale straordinario qui sotto – dice David Petraeus, alla guida del Comando Centrale americano-. Ci sono molte incognite, naturalmente, ma credo che si tratti di un potenziale estremamente significativo”.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mauro47

    15 Giugno 2010 - 12:12

    Per i commentatori da strapazzo, della serie "l'avevo-detto-io", gli afgani possono benissimo restare cenciosi a coltivar papaveri. Se invece fosse vero quello che sembra, con mille miliardi di dollari di giacimenti potrebbero davvero cambiare il loro futuro. Che finora, nonostante siano dei cenciosi coltivatori di papaveri, non è stato granché migliore. Almeno hanno una chance, cari commentatori da strapazzo.

    Report

    Rispondi

  • maxdavado

    15 Giugno 2010 - 00:12

    Probabilmente se qualche paese partecipante al contingente di pace(si fa per dire sappiamo il vero motivo della presenza)presente in Afghanistan avesse pensato di ritirarsi,adesso farà marcia indietro.I grossi imperi coloniali sono sempre andati nei paesi dove c'erà povertà non a scopo umanitario ma solo per procurarsi con le buone o le cattive materie prime a basso prezzo.La storia e l'uomo non sono mai cambiati.Come dicono i francesi: c'est l'argent qui fait la guerre. grazie MAXDAVADO

    Report

    Rispondi

  • paolino46

    14 Giugno 2010 - 22:10

    ...siamo li per caso . Mi viene un sospetto

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    14 Giugno 2010 - 22:10

    Questo avvenimento complicherà le cose seriamente peggio ancora di quanto sono ora. Le grandi potenze confinanti,Russia, Cina e Pakistan saranno pronti a fare una guerra infinita pur di togliere agli americani il deserto d'oro.

    Report

    Rispondi

blog