Cerca

Messaggio al governo

Silvio tiene i tecnici sulle spine Voteremo solo ciò che ci convince

Berlusconi critica la politica del rigore e avverte sul rischio terrorismo

Secondo l'ex premier questo clima di pessimismo e questa politica non fanno bene al Paese, e il Pdl si comporterà di conseguenza
Silvio Berlusconi

L'ex premier

Conferma con riserva dell’ex premier Silvio Berlusconi al governo Monti. "Noi siamo qui e voteremo tutte le cose che ci convincono".

Clima di pessimismo - Il Cavaliere tiene i tecnici sulle spina e critica fortemente l’attuale politica del rigore. Dice: "C'è un clima di grande pessimismo, di scarsa fiducia nel futuro, a cui dovremmo reagire con una politica diversa da quella che è la cosiddetta politica del rigore che si può applicare soltanto in una economia di sviluppo ma che è suicida una economia già in recessione".

Rischio terrorismo - Calca poi la mano: “Quando c'è un clima come questo  c'è un terreno che può dare luogo, ma speriamo che non sia così, da un lato al terrorismo e dall’altro lato ad una dittatura. Non è il caso dell’Italia, anzi sicuramente non si procederà in questa direzione, ma è una situazione che non ci lascia del tutto tranquilli".  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Veraleks

    13 Maggio 2012 - 12:12

    quando diceva: governo tecnico mai!

    Report

    Rispondi

  • gian60

    12 Maggio 2012 - 11:11

    Per quanto riguarda la posizione dell'appoggio (e umilmente aggiungo: dell'affondo) avrei dei piccoli consigli ..... ma mi astengo per decenza. Mi consenta!

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    12 Maggio 2012 - 11:11

    si capisce dai commenti tutti uguali imparati a memoria che il PD ha fatto loro avere. Caro Silvio tu devi dire solo una cosa che il PDL da oggi voterà solo tagli veri e sostanziosi, ed essere coerenti su questo. Ora che siamo nell'abisso non crediamo più tanto alla favoletta del default, è meglio sacrificarsi per un pò di anni con una moneta svalutata che però ci darà la possibilità di ampiare il nostro commercio con tutti i paese fuori dall'Europa, la valuta svalutata, la qualità e la fantasia delle merci italiane ci faranno rinascere e tutto resterà nel nostro paese, Ora stando nell'euro il nostro debito continuerà ad aumentare la crescita non potrà esserci perchè le tasse continue ci impediscono di aumentare i consumi e i nostri soldi che siamo costretti a pagare finiscono non in Europa ma alla Germania. Ma è proprio questo che vogliamo? Non è necessario fare un referendum per sapere cosa vogliono gli italiani, uscire dall'euro e cambiare la costituzione e partire da capo con regol

    Report

    Rispondi

  • bobobanneddu

    12 Maggio 2012 - 10:10

    A me pare che il cav., dallo scorso novembre, si sia messo a 90 gradi, costringendo tutta l'Italia a porsi nella medesima posizione nei confronti dei sanguisuga facilmente identificabili nell'attuale governo euro_monti_draghi_goldmanSachs_bce_fmi_trilateral_bilderberg. Non riesco a capire come possano esserci persone riferibili alla destra, che ancora sperano in un sussulto di dignità da parte di colui che, solo per misero interesse personale (salvacondotto giudiziario e salvaguardia delle sue aziende), ha tradito un intero popolo che lo aveva legittimamente votato ed aveva riposto in lui tante aspettative

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog