Cerca

Rivoluzione sanità

Il ticket sparirà
Pagheremo in base al reddito

Il ministro della Salute: ciascuno pagherà di tasca propria fino a un tetto, poi scarica sullo Stato

Il ministro della salute Renato Balduzzi intende rivoluzionare il sistema del pagamento dei ticket: a tutti i cittadini verrà data una card che rivela quanfo si è pagato fino al quel momento. Potrebbero scomparire i ticket su farmaci, visite specialistiche e analisi di laboratorio e anche sui ricoveri al pronto soccorso. Ogni cittadino avrò una franchigia calcolata sulla base del reddito fino al concorrere della quale quale dovrà pagare interamente ogni prestazione sanitaria, farmaco o intervento chirurghco. Un pensionato con 10 mila euro di reddito lordo, avrà una franchigia pari al 3 per mille dunque 30 euro: questa cifra sarà il costo massimo che dovrà sborsare per accedere a qualsiasi prestazione sanitaria, pochi medicinali o un maxi intervento chirurgico. Oltre questo limite sarà tutto gratuito. Chi ha reddito di 100mila euro, come un professionisa, avrà una franchigia di circa 300 euro: vuol dire che dovrà pagare tutte le prestazioni sanitarie fino a un massimo di 300 euro. A tenere la contabilità satrà una tessera sanitaria intelligente,  dotata di chip come un bancomat, che sostituirà di qui ad un anno le attuali tessere. 

La franchigia Nella rimodulazione del  sistema dei ticket sanitari, "stiamo pensando a una forma di   franchigia che avrebbe molti vantaggi. Stiamo lavorando per ridurre   gli svantaggi" e "siamo prossimi a formalizzare una proposta   compiuta". Lo annuncia il ministro della Salute Renato Balduzzi.  "La fiscalità generale - spiega - in qualche misura già fa   pagare di più la sanità a chi ha un miglior tenore di vita. Un   aspetto di sostanziale equità quindi c'è già, ma andrebbe  potenziato ulteriormente nel campo della compartecipazione" alla spesa  sanitaria, "di cui i ticket sono solo una delle possibili forme. Noi   per esempio stiamo ragionando da tempo su una forma diversa", una   franchigia appunto, "che rimoduli la compartecipazione all’insegna di   tre principi guida: trasparenza, equità e omogeneità. In questo   momento, infatti, noi abbiamo compartecipazioni poco trasparenti, poco  eque e molto disomogenee".   In sintesi, con la franchigia "il cittadino paga una somma   iniziale a seconda del reddito, dopo di che il Servizio sanitario   nazionale, purchè funzionino tutti gli altri controlli su spesa   farmaceutica e dispositivi medici eccetera, si fa carico della   copertura. In questo modo si risolverebbero i problemi delle esenzioni  non collegate al reddito".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sirartur

    12 Maggio 2012 - 22:10

    eccola lì un'altra cacata per fare un favore ai vagabondi comunisti. comincio a pensare che lavorare sia dannoso..meglio fare i poveri ma belli riposati, proprio come loro. addio allo stato di diritto

    Report

    Rispondi

  • iusini

    12 Maggio 2012 - 19:07

    deve aver fumato il cervello a questo formidabile ministro per partorire una simile genialata.Peccato che buona parte dei ricchi ,in Italia,presentando denuncie dei redditi vergognose,avrebbero diritto all'assistenza meglio di chiunque altro.E gli stessi ricchi hanno la possibilita',come ora ,di farsi visitare senza pagare nulla:sono tutti amici e un piacere non si nega a nessuno.Naturalmente tutto gratis per gli estracomunitari che non hanno nessun reddito,tanto si risolve tutto aumentando le tasse agli italiani a reddito fisso.E se,per caso,un italiano non usufruisce della sanita'-puo' succedere-gli rimborsiamo i soldi dei contributi?

    Report

    Rispondi

  • chimangio

    12 Maggio 2012 - 19:07

    Speriamo che il ministro riveda anche i prezzi dei farmaci che per effetto del prontuario pubblico, in Italia costano un'esagerazione più che negli altri Paesi

    Report

    Rispondi

  • sommesso49

    12 Maggio 2012 - 19:07

    Sarebbe lo sventramento totale dello stato sociale e delle garanzie perfino alla salute. Sono convinto che l'attuale governo di prestanomi sta facendo per conto di altri il tiro alla fune. Una fune così sfilacciata che appena si romperà vedrà politici e governo cadere all'indietro, in discesa, verso il viale dei pioppi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog