Cerca

Silvio prova a fare il duro:
le ho cantate al Professore

Il Cav dopo il pranzo a palazzo Chigi: "Ho chiarito tutto, con questa crisi non possiamo farlo cadere". Poi vota la fiducia e in serata vertice azzurro

Silvio Berlusconi e Mario Monti

Silvio Berlusconi e Mario Monti

Dopo tre ore di colloquio con Mario Monti, Silvio Berlusconi va in Transatlantico a votare la fiducia. "Monti ci ha spiegato che la situazione economica è drammatica, peggiore di quella che si possa immaginare", ha confidato ai suoi. "Gliene ho cantate quattro... Ci siamo detti quello che dovevamo dirci, i malintesi di queste settimane sono stati chiariti". Il no alle tasse, la compensazione tra crediti delle imprese dallo Stato e tasse, il ddl anti corruzione e la legge sulle intercettazioni: l’ex premier ha provato a strappare più promesse possibili andando via da Palazzo Chigi. «Nei prossimi giorni il governo presenterà nuove misure per la crescita», ha annunciato il Cavaliere. 

Leggi l'articolo completo di Salvatore Dama su Libero in edicola oggi 17 maggio 2012

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • D.P.F.

    17 Maggio 2012 - 20:08

    Cos'è, un titolo ad effetto o la verità ? Perchè nel secondo caso dobbiamo salutare la coerenza. Visto che il PdL vota la fiducia al gregario dello zar, è inutile che ci prenda per i fondelli e faccia sortite ad effetto. Basta dire NO in una votazione e la trama dell'alto colle va in fumo. Ero indeciso se non votare o turarmi il naso e dare l'assenso al PdL in chiave anti sinistra, credo che continuando di questo passo sia stata fatta la scelta per me, starmene a casa. Certo, per uno che viveva e parlava di anti comunismo, l'attuale riedizione del compromesso storico getta una luce ambigua che nessuna flessibilità politica può giustificare.

    Report

    Rispondi

  • D.P.F.

    17 Maggio 2012 - 19:07

    Perchè nel secondo caso dobbiamo salutare la coerenza. Visto che il PdL vota la fiducia al gregario dello zar, è inutile che ci prenda per i fondelli e facia sortite ad effetto. Basta dire NO in una votazione e la trama dell'alto colle va in fumo. ero indeciso se non votare o turarmi il naso e dare l'assenso al PdL in chiave anti sinistr

    Report

    Rispondi

  • paolo44

    17 Maggio 2012 - 18:06

    Questa manfrina è incredibile. Il PDL va avanti come se avesse ancora 15 milioni di voti, il 40%. Ma se leggessero un po' queste lettere, e , peggio ancora, quelle su silvio.it, capirebbero che ormai sono alla frutta. E questo è Libero, non Repubblica. Secondo me Verdini e soci stanno facendo i conti per vedere quanti ne passano con il 10%, per mettere le terga al sicuro anche in caso di debacle. Non hanno capito che se continuano così sarà il 3%, altro che dieci. Se Berlusconi vuol finire la sua carriera politica da democristiano, elemosinando prebende, meglio se andava ad Antigua.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    17 Maggio 2012 - 17:05

    Basta tasse con cazziatone....Poi vota la fiducia,e si che il PDL è crollato....Mica l'ha ancora capita.Te la daremo noi la fiducia.Abbi fede.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog