Cerca

Favorevole uno su quattro

Effetto Merkel sui tedeschi:
vogliono uscire dall'euro

Angela Merkel

La Cancelliera vista da Benny

 

Noi abbiamo Beppe Grillo, ma a Berlino se la passano pure peggio. Sulla politica nazionale tedesca sta per irrompere, con effetti potenzialmente devastanti, un nuovo partito anti-euro, la lista bavarese dei Freie Waehler che, per inciso, ha già una rappresentanza nel parlamento bavarese. Il sondaggio Forsa per il settimanale Stern rivela che un tedesco su quattro, il 25% degli intervistati, non esclude di poter votare per questa lista civica. Alle elezioni di settembre 2013, per la Cancelleria, la lista potrebbe schierare Stephan Werhahn, il nipote di Adenauer, che due settimane fa ha lasciato per protesta il partito fondato dal nonno, la Cdu della Merkel. La linea "terroristica" di Angela, il voler imporre al Vecchio Continente politiche recessive e il continuare a tratteggiare scenari apocalittici, hanno finito per convincere un quarto dei tedeschi: meglio uscire dall'euro e distruggere la moneta unica. E la dimensione del fenomeno non è da sottvalutare: se Grillo in Italia viene dato al 16-18%, i Freie Waehler in Germania sarebbero già al 25 per cento.

Simpatie anti-euro - Werhahn aveva affermato che i padri fondatori dell’Unione Europea "volevano costruire un’Europa forte e indipendente, mentre adesso tra fondi salvastati e miliardi di salvataggio la stiamo demolendo" (parole che avrebbe potuto pronunciare la Cancelliera stessa..). Tra i maggiori esponenti dei Freie Waehler c'è anche Hans-Olaf Henkel, l'ex presidente della Confindustria tedesca, che non ha perso occasione per attaccare la moneta unica. Il presidente di Frsa  Manfred Guellner, considera le simpatie di cui gode la lista civica bavarese come un indicatore dello scontento degli elettori nei confronti dei partiti tradizionali. Secondo il manager, però, lo scontento popolare "non si tradurrà in voti reali", poichè i "Freie Waehler" sono attualmente forti soltanto in Baviera. A livello nazionale, invece, la Cdu/Csu della Merkel guadagna un punto e sale al 33%, con il partito socialdemocratico fermo al 27%, i Verdi in discesa di un punto al 13% ed i Piraten al 10%, mentre la Linke è al 7% ed i liberali della Fdp sono fermi sulla soglia di sbarramento del 5 per cento.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Angela70

    21 Giugno 2012 - 16:04

    ma quando Prodi decise per tutti l'utilizzo dell'euro tutti gli altri dove stavano? Era allora che questo Grande UOMO/CO....ne doveva essere abbattutto, e mandato subito a casa! Ora tira le file dietro le quinte?

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    21 Giugno 2012 - 11:11

    Ma perchè dobbiamo sempre sottostare ai tedeschi(che non sopporto). Italiani, abbiamo avuto coraggio da vendere durante l'occupazione nazista e l'orgoglio di essere italiani non ci è mai mancato. Mandiamo al diavolo la kulona e riprendiamoci la nostra autonomia e la nostra lira. Non date retta ai disfattisti, Prodi ci ha sempre svenduto, la lira valeva molto di più dell'attuale euro. Non facciamoci fregare ancora!

    Report

    Rispondi

  • arch

    21 Giugno 2012 - 08:08

    ...FARLO FUNZIONARE. Come?Ogni stato,noi per primi,deve dimostrare a fatti che spende meno di quanto incassa. E' tutto lì il segreto.Facile a dirsi meno a farsi quando,come da noi, tutti vogliono rubare su tutto e avere stipendi principeschi e benefici a iosa. Ma se anche torna la lira ( e ci perdiamo) e continuiamo a spendere e spandere forse le cose migliorerebbero? Come qunado dicevano 'via Berlusca e tutto si aggiusta!'L'abbiamo visto quale vantaggio ci ha portato Monti!Il Paese va cambiato non la moneta!!!!

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    20 Giugno 2012 - 23:11

    I tedeschi sono stati geniali con l'Euro e l'UE, con essi hanno accatastato una montagna di crediti mentre il resto dell'Europa una montagna di debiti. Era inevitabile che accadesse con una moneta fissa e una mancata redistribuzione del credito verso le zone europee più deboli, SENZA un inflazione controllata, SENZA l'emissione di nuova moneta, che permettesse il respiro delle economie deboli. Adesso che gli altri reclamano ciò, è ovvio che la Germania preferisce tirare i remi in barca dopo aver fatto solo i propri interessi, hanno perfino il coraggio di chiamare ladri gli altri e pretendere che li si ringrazi per averci distrutti! In ogni caso, politici e economisti nostrani che ci hanno infilato nell'Euro e nell'UE sono dei TRADITORI della loro nazione e popolo perchè SAPEVANO che ci avrebbero consegnati mani e piedi legati alla speculazione internazionale, stravolgendo la ns. sovranità, politche sociali ed economiche e la ns. stessa identità nazionale! ANDREBBERO IMPICCATI.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog