Cerca

Sbugiardato

Grillo, il cialtrone di Twitter:
metà "followers" li ha comprati

L'accusa in uno studio pubblicato dall'Ansa di un professore dello Iulm. Le persone che lo seguono sul social? Non esistono

Il dubbio: non sarà virtuale anche la metà dei voti che i sondaggisti gli attribuiscono?
Beppe Grillo

Su Twitter Beppe Grillo può vantare quasi 622mila follower. Ma non è oro tutto quello che luccica. Infatti soltanto poco della metà sono persone reali. Lo dice, in uno studio pubblicato dall’Ansa, il professore dello Iulm e imprenditore Marco Camisani Calzolari, fondatore di una società specializzata nella misurazione del reale valore dei social media per aziende e personaggi famosi, la Digital Evaluations. Per il comico, fino a ieri considerato il re indiscusso della rete, è un boccone amaro da digerire. Non è che sarà virtuale anche la metà dei tanti voti che i sondaggisti gli stanno attribuendo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Woodstock

    22 Luglio 2012 - 10:10

    hahaha ...a giudicare dai commenti incazzati dei grillini mi sa che li avete pizzicati col "sorcio in bocca"... dopo la figura di tolla che stanno facendo a Parma con il loro tanto decantato quanto incompetente sindaco ... ora anche i falsi "follower"... e questi vorrebbero guidare l'italia? il grande totò direbbe... "ma mi faccia il piacereeeeeeee!!!!".....hahahahahah

    Report

    Rispondi

  • Alvise001

    21 Luglio 2012 - 12:12

    "Vi spazzeremo via", "grande paura", ecc...questi sono i commenti dei grillini, toni che ricordano l'arrivo di Hitler o Mussolini. Ma come sono democratici i grillonzi.

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    20 Luglio 2012 - 21:09

    cialtrone di tutto!

    Report

    Rispondi

  • amonraffa

    20 Luglio 2012 - 21:09

    Ecco chi è Marco Camisani Calzolari. Ha realizzato il network ufficiale dei sostenitori di Berlusconi, www.forzasilvio.it, per il quale è anche consulente per attività di comunicazione digitale. Definisce il libro di Berlusconi "L'amore vince sempre sull'invidia e sull'odio" (libro che raccoglie una parte dei messaggi lasciati dagli utenti del sito Forzasilvio.it.) come "un bell'esempio di convergenza analogico-digitale per portare agli analogici il pensiero dei digitali". Ha sostenuto il comitato per il premio Nobel a Berlusconi. Ha collaborato all'iniziativa www.rivotiamo.it fatto per ForzaItalia per contestare la vittoria di Prodi del 2006." Possibile che esistano ancora linee editoriali cosi faziose,volte solo a screditare un concorrente politico(in qst caso Grillo)?Questa notizia è stata creata ad hoc per attaccare Grillo!Vergognatevi!Tanto la pacchia durerà ancora per poco...hehehe

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti