Cerca

Strategie elettorali

Perso Casini, Alfano si butta sulla Lega:
"Possibile un'alleanza col Carroccio"

Il segretario Pdl: sarebbe un errore se la divisione tra noi consegnasse il Paese al centrosinistra

Perso Casini, Alfano si butta sulla Lega:
"Possibile un'alleanza col Carroccio"

 

Il giorno dopo l'incontro con il premier a Palazzo Chigi, seguito alla gaffe di Monti su Berlusconi (se ci fosse ancora lui al governo lo spread sarebbe a 1200 punti), Alfano ribadisce che la questione è chiusa ma usa toni da campagna elettorale, Perso Casini,  guarda alla Lega: "Crediamo che le condizioni per un’alleanza con la Lega Nord ci siano. Sarebbe un errore grave che una divisione tra noi e la Lega consegnasse il Nord al centrosinistra, anche perché è una sinistra, e me ne sono accorto durante le trattative sulla riforma del lavoro, che ha un grande pregiudizio anti-imprenditoriale”. Da qui parte poi l'affondo contro la sinistra che, "gira che ti rigira propone sempre più tasse: basta leggere oggi i giornali e  vedere quello che dicono Bersani, Camusso, Fassina. Noi siamo convinti  che si possa fare diversamente, si possono trovare risorse senza   aumentare le tasse: vanno tagliati gli sprechi e va ridotto il   debito”. 

Attacco a Casini Nell'intervista a Uno Mattina, la trasmissione in onda su Rai Uno, il segetario azzurro, tornando su Casini, spiega che chi "fa parte di un’area moderata e si allea con Bersani va a sinistra. Il concetto di fondo è che Bersani e Casini staranno in un governo di centrosinistra se  vinceranno loro. Credo faranno le prove generali in Sicilia e da lì emergerà l’accordo tra l’Udc e la sinistra. Noi non gioiamo: avremmo sperato un grande progetto di unificazione con Casini”.  Quanto ai programmi, Alfano spiega: “Non ci siamo mai   confrontati. Ci siamo fermati prima anche di una candidatura sulla  premiership, ma il candidato del centrosinistra comunque c'è ed è   Bersani e il nostro Berlusconi, se scioglierà la riserva. Casini non   può come Udc indicare il premier e dovrà dunque scegliere tra la   sinistra e il campo alternativo”. C.

La candidatura di Silvio Silvio Berlusconi non ha ancora sciolto la riserva sulla sua candidatura a premier anche se la maggioranza del Pdl sta spingendo perchè questo avvenga". Lo ha detto Angelino Alfano intervenendo a "Unomattina".   "Berlusconi è il politico italiano - ha proseguito il segretario del Pdl - che riscuote il maggior consenso personale. Non credo che nella storia della Repubblica ci sia mai stato un leader che ha avuto lo stesso consenso individuale come voti".   "Senza la candidatura di Berlusconi - ha aggiunto Alfano - avremmo fatto le primarie". 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    10 Agosto 2012 - 14:02

    Egregio,ho paura che sia troppo tardi.L'ostruzione massiccia dell'opposizione ha provocato un disastro.Ora,purtroppo, è il momento di pagare.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    10 Agosto 2012 - 14:02

    Invece di incoraggiare bepper,così me lo demolisci.Gli avevo già detto io che Silvio era ancora quello che comandava,ma lui non ci ha mai dato peso.Adesso lo sente dire da uno che non è berlusconiano,per lui è una mazzata terribile.

    Report

    Rispondi

  • paperino1954

    10 Agosto 2012 - 09:09

    Caro Bepper,vuoi sapere la percentuale di boccaloni in Italia che rivoteranno per Silvio? alta ,molto alta... lascia che Silvio vada in tv alla vigilia delle elezioni,ti promette l'abolizioni dell'IMU,taglio delle tasse,un paio di milioni di posti di lavoro. Ah e per concludere Chiu' pilu per tutti!!! vedrai vedrai .....

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    09 Agosto 2012 - 22:10

    Alfano...Alfano, cos'altro ti manca oltre il quid e quod? Che te ne fai della Lega? Modifichi l'Italia in senso leghista? Il Nord non basta a governare un paese. Chi c'é che possa essere all'altezza di un governo nella Lega? Abbiamo visto...il semplificatore che ha ingarbugliato le leggi, Bossi col Trota e il sindacato padano invisibile. Ma poi PDL e Lega non arrivano a PD e soci: sono ben lontani. Su da bravo presenta un piano da 400 miliardi non applicabile.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog