Cerca

Equitalia sotto tiro

Suicidi per Equitalia, aggressioni, scontri: il Paese si ribella

Altri due suicidi, un tentato suicidio, scontri a Napoli, aggressioni a Milano, un pacco bomba a Roma: gli italiani sull'orlo del precipizio

Suicidi per Equitalia, aggressioni, scontri: il Paese si ribella

L'Italia è sul punto di esplodere. Una giornata di suicidi, pacchi bomba, proteste, scontri. Gli italiani sembrano aver raggiunto il punto di non ritorno. Equitalia, i debiti, la crisi economica. Motivi che sommati sono emersi tutti assieme in questo venerdì di maggio. In poche ore, convulse, è successo di tutto. E anche Equitalia ha dovuto dire la sua, puntando il dito contro la "superficialità" con la quale viene associata "al termine suicidio. E' inaccettabile - ha aggiunto l'ente di riscossione in una nota - continuare a scaricare irresponsabilmente su Equitalia la colpa di gesti estremi e situazioni drammatiche, che hanno invece origini diverse e lontane e che stanno esplodendo solo oggi a causa delle crisi economica. Eventi tragici da non spettacolarizzare, per i quali Equitalia esprime profonda vicinanza alle famiglie coinvolte". Eventi tragici sì, da non spettacolarizzare, ma che non possono passare sotto traccia: la lunga serie di sangue e disperazione che sta sconvolgendo l'Italia si allunga ogni giorno di più.

Due suicidi in poche ore - Non riusciva più a trovare lavoro e gli erano arrivate bollette e cartelle esattoriali che non sapeva come pagare. Sarebbero questi i motivi che hanno spinto Giovanni Vancheri, un idraulico di 54 anni, a darsi fuoco nella sua auto. Il suicidio è avvenuto a San Cataldo, in provincia di Caltanissetta. E sempre oggi un imprenditore del settore impiantistica, Giuseppe Rennola, di 46 anni, di Molfetta, si è tolto la vita impiccandosi ad un albero del podere di alcuni parenti. A determinare la decisione pare sia stata la sua situazione economica: l'imprenditore avanzava diversi crediti da enti pubblici che non riusciva ad esigere, anche se fino ad oggi era riuscito ad assicurare lo stipendio ai suoi dipendenti. Negli ultimi tempi sembra che alcune banche gli avessero negato aiuti. Forse l'uomo, si ipotizza, temeva che ben presto non sarebbe riuscito più ad andare avanti con la sua attività.

Un tentato suicidio a Torino - Oppresso dalle tasse, un imprenditore di 73 anni di Torino ha cercato di togliersi la vita stamattina, sparandosi un colpo di pistola alla testa nel suo ufficio. Mario Trombone è ora ricoverato in gravissime condizioni all'ospedale Cto del capoluogo piemontese ed è stato sottoposto ad un intervento chirurgico per l'estrazione del proiettile. In un biglietto lasciato ai familiari, l’imprenditore ha scritto di volersi suicidare perché non sapeva più come mandare avanti la sua azienda di facchinaggio così com'era “oppresso dalle tasse”.

Equitalia sotto tiro - Milano e Napoli, divise su tutto, da sempre. Unite e accomunate dalla pazienza esaurita dei propri cittadini. E le due piccole capitali economiche italiane si sono ribellate a Equitalia. Proteste, cortei, scontri e aggressioni in una giornata segnata dall'odio nei confronti dell'Agenzia. Questa mattina nella città partenopea una manifestazione organizzata contro Equitalia è sfociata in scontri tra il corteo e le forze dell'ordine davanti alla sede di corso Meridionale. Dopo i sette suicidi registrati in Campania a causa della crisi, circa 200 persone si sono date appuntamento . Uno striscione recitava "Chiudere Equitalia subito". I manifestanti hanno trascinato cassonetti al centro della strada e urlano "Assassini". Poi il lancio di pietre e le cariche della Polizia. Si registrano una decina di agenti e un ragazzo feriti negli scontri. 

Anche Milano non ne può più - A Melegnano, invece, due ispettori di Equitalia sono stati aggrediti. I due malmenati non avrebbero riportato gravi lesioni. È accaduto in uno studio di commercialisti nel milanese, quando per motivi ancora non noti un imprenditore edile, presente nello studio dei fiscalisti, ha cominciato a prendere a calci uno dei due ispettori.

Pacco bomba a Roma - Un pacco bomba è stato inviato alla direzione generale di Equitalia in via Grezar a Roma, zona Eur. Il pacco conteneva poca polvere pirica ed era senza innesco. Secondo quanto si è appreso dagli investigatori, la busta non poteva esplodere perché non c’erano innesco né fili che potessero renderla esplosiva. Lo scorso dicembre un pacco bomba vero era esploso nella sede centrale, in via Millevoi, ferendo a un amano il direttore, Marco Cuccagna. L’attentato, in quell’occasione, fu rivendicato dal Fai, la stessa sigla che ha rivendicato oggi l'agguato contro Adinolfi. 

Disperazione nel Lazio - La Digos di Viterbo ha fatto irruzione nell'abitazione di un piccolo imprenditore residente in un paese della provincia che, poco prima, con una telefonata alla sede Uil aveva annunciato che si sarebbe recato all'Agenzia delle Entrate di Viterbo, armato di pistola, e avrebbe ucciso gli impiegati. "Prima che mi rovinino del tutto ammazzo qualcuno di loro". Nella casa dell'uomo, perquisita dalla forze dell'ordine, non sono state trovate armi.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    14 Maggio 2012 - 13:01

    Peccato che al posto di un politico ci sia un manichino.

    Report

    Rispondi

  • RANMA

    14 Maggio 2012 - 08:08

    Ma perchè non buttano le bombe carta quando passano le auto BLU?Perchè non colpiscono i politici responsabili di questo facelo,cioè tutti quanti? Qualcuno me lo sa spiegare?

    Report

    Rispondi

  • allianz

    14 Maggio 2012 - 05:05

    Invece di mettere bombe ad Equitalia e menare quelli che stanno lavorando,andate a prendere i mandanti.Se applicate un semplice calcolo 1 suicida=10 parlamentari(che tanto non servono ad un cazz)vedrete che in breve tempo le cose si aggiustano.

    Report

    Rispondi

  • donatello 22

    12 Maggio 2012 - 21:09

    non ci sono più neppure i piatti da lavare, tutti si arrangiano. Però, se la Fornero ci stà e ci paga, possiamo anche lavarle il culo. A Grilli dico, la violenza è sempre deprecabile ma anche giustificabile come reazione a uno stato arrogante prevaricatore e ladro dove il cittadino è solo un suddito da spremere. Voi che avete fatto di buono, per pontificare a ufo?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog