Cerca

La maxi frode

Rubati 100 milioni a 400 Comuni:
in manette l'ad di Tributi Italia

La società riscuoteva le tasse per gli enti pubblici ma l'amministratore si teneva i soldi per auto, yacht e festini. Tredici indagati

Cento milioni di euro rubati a 400 Comuni italiani. Tributi Italia dichiarata fallita: molti dei 1.000 dipendenti sono stati licenziati, e i Comuni rischiano di fallire
Rubati 100 milioni a 400 Comuni: 
in manette l'ad di Tributi Italia

Cento milioni di euro rubati a 400 Comuni italiani: è il danno accertato dalla Guardia di Finanza di Genova da parte di Tributi Italia spa, società incaricata da centinaia di enti pubblici per la riscossione delle proprie entrate. Cinque persone sono finite in manette. L'azienda, una volta incassate le somme provenienti dalla riscossione tributaria, anzichè riversarle agli enti a cui spettavano, al netto dell’aggio di sua competenza, le tratteneva sui propri conti correnti, appropriandosene indebitamente. I fondi, poi, attraverso rapporti, privi di effettive ragioni economiche con altre società, riconducibili all’amministratore di fatto dell’impresa di riscossione Giuseppe Saggese, vero dominus e artefice di tutta l'operatività aziendale, venivano distratte a beneficio di quest’ultimo; operazioni con imprese collegate, spesso documentate come consulenze o piani di riorganizzazione aziendale ed operazioni societarie di natura straordinaria, come aumenti di capitale e costituzione di nuove società, risultate funzionali, anche queste, a distrarre ingenti somme. Il dominus della maxi frode non ha badato a spese, con prelievi giornalieri dai conti della società anche di 10.000 euro in denaro contante, autovetture di lusso, yacht ed aerei privati, soggiorni in località prestigiose, feste mondane e concerti di musica. Il caso era già noto a molti enti locali, che già nel 2009 avevano denunciato la società. Indagata per peculato e cancellata dall'albo dei riscossori, Tributi Italia Spa aveva fatto ricorso al Tar che l'aveva accolto, nel dicembre di tre anni fa, sospendendo la cancellazione. Un mese dopo, pronto dietrofront a seguito delle numerose proteste dei Comuni truffati. 

Comuni a rischio fallimento - L’impresa di riscossione, a causa delle numerose denunce presentate nei suoi da parte di vari Comuni vittime delle sottrazioni e che gli avevano anche revocato le concessioni per l'esazione tributaria, è entrata in stato d’insolvenza, venendo conseguentemente dichiarata fallita dal Tribunale di Roma. Le attività d’indagine hanno consentito di comprovare, in modo certo, l’avvenuta appropriazione di fondi per un ammontare di circa 20  milioni di euro. Le persone indagate, in tutto 9, cioè quelli sottoposti alle misure cautelari, più altri 4 perseguiti "a piede libero", sono accusati, dall’autorità giudiziaria chiavarese, di peculato e reati fiscali. Molti dei circa 1.000 dipendenti di Tributi Italia spa sono stati licenziati, molti altri sono in cassa integrazione, mentre alcuni comuni sono arrivati sull'orlo del dissesto finanziario.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ketaon_01

    04 Ottobre 2012 - 13:01

    Di crepare presto , ma poveri e malati. Di utilizzare tutti i soldi che hanno rubato in medicine.

    Report

    Rispondi

  • tunnel

    04 Ottobre 2012 - 13:01

    La maggiore parte della gente,ti dice,cosa ci vuoi fare? è sempre stato così, allora bene,tutti a rubare. Chi così ragiona ,così si comporta.Parassiti, tutti in gattabuia.

    Report

    Rispondi

  • samanaua

    04 Ottobre 2012 - 07:07

    certo che sono daccordo quando c'è di mezzo una cifra cosi le studiano gia a tavolino è ci sono le persone giuste al posto giusto sono tutti daccordo è poi gridano al lupo....... questa situazzione è il colmo ..... che non si possa punire questi ladroni ,, qui ci vuole la rivoluzzione .... altro che ripresa ...ansi una ripresa c'è è quella per il culo a noi popolino SVEGLIAMOCI con le prossime votazzioni mandiamoli via tutti

    Report

    Rispondi

  • doberdan

    03 Ottobre 2012 - 21:09

    Onore alla Guardia di Finanza. Adesso bisogna arrestare alla svelta tutti gli amministratori conniventi che hanno pilotato le gare d'appalto perché venissero aggiudicate da questa associazione a delinquere, nel rispetto dei cittadini onesti che pagano le tasse comunali fino all'ultimo centesimo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog