Cerca

Emergenza pensioni

Esodati, fondi solo per 55mila
Fornero: "Valuteremo caso per caso"

Sit in degli esodati davanti a Palazzo Chigi. La Cgil minaccia lo sciopero generale
Esodati, fondi solo per 55mila
Fornero: "Valuteremo caso per caso"

 

Per ora ci sono i fondi per 'coprire' i 55 mila previsti in un primo momento, gli altri soldi necessari si dovranno trovare con la legge di stabilità, anche se non è detto che si arrivi alla cifra necessaria. Il problema degli esodati torna ad infiammare lo scontro tra la maggioranza e l'esecutivo. Anche perché venerdi la quota è stata aggioranta dal decreto firmato da Grilli a 120mila, e poi c'è sempre la relazione inviata al ministero dell'Economia dall'Inps secondo cui dovrebbero essere 390mila. Inoltre la scadenza non riguarda più la data entro la quale il rapporto di lavoro è stato risolto ma la data entro la quale gli accordi, individuali o collettivi, devono essere stati stipulati. 

In una lettera, datata 7 agosto e spedita da Elsa Fornero al presidente della Commissione Lavoro della Camera, il governo ha chiesto che la riforma non venga toccata, "il rischio è compromettere la stabilizzazione dei conti pubblici". "Il governo è pienamente disponibile a discutere caso per caso" il problema degli esodati, "ci sono persone in seria difficoltà e vanno tutelate", afferma Fornero. Allo stesso tempo, però, l’avviso ai partiti è chiaro: "Occorre evitare il rischio di misure non comprese in sede internazionale". Il testo proposto in primis dall'ex ministro del Lavoro Cesare Damiano fissava la quota in 5 miliardi per la copertura. Ma dalla Ragioneria dello Stato è arrivato lo stop alla proposta approvata la scorsa settimana all’unanimità dalla commissione Lavoro della Camera: la copertura "risulta ampiamente insufficiente". 

Intanto i sindacati si fanno sentire con la Cigil che dal presidio degli esodati minaccia lo sciopero generale:  "Se si vogliono trovare adesso le risorse che servono fino al 2019 è un modo di affossare la questione e non risolverla". Dice Susanna Camusso sulle difficoltà di coperture sulla proposta Damiano al vaglio della Camera per salvaguardare gli esodati, "il problema c'è e deve essere affrontato come nelle altre occasioni", ossia, incalza la sindacalista, "definire la norma e modulare le coperture". Compatta anche la maggioranza nel chiedere al governo uno sforzo ulteriore. "Occorre trovare una soluzione", dice Damiano (Pd). "Sul problema degli esodati si è già perso troppo tempo. Ora è auspicabile che dalla discussione sulla proposta di legge che affronta il problema venga fuori finalmente una soluzione", afferma Antonio Leone del Pdl.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    10 Ottobre 2012 - 11:11

    Ma continua a pagare i vitalizi ai parlamentari e senatori, contiuna a sborsare soldi per appartamenti gratuiti e autoblu, continua a dissanguarci per dare scorte a personaggi ormai fuori dalla vita politica, continua a finanziare i partiti ecc. Ma non caccia un euro per aiutare padri di famiglia che hanno lavorato tutta una vita e si sono fidati della parola dello stato e delle sue leggi!

    Report

    Rispondi

  • busdel

    10 Ottobre 2012 - 09:09

    abrogare la legge 252 che da pensione gratis 45 mila tra sindalisti delle tre sigle sindacali e dirigenti di partito, e girare tutto agli esodati queste sono manovre che possono dare svilluppo, l'incontrario di quello che fanno i tecnici;che mettono le mani su tutto fuori che su privileggi dei politici saluti

    Report

    Rispondi

  • mircafarolfi

    09 Ottobre 2012 - 20:08

    e' proprio senza pudore,se ne avesse almeno un po' sarebbe gia' andata a casa da tempo.

    Report

    Rispondi

  • encol

    09 Ottobre 2012 - 17:05

    La copertura non c'è mai stata. Tutti i soldi li hanno utilizzati per CASTA ( con feste e cene da capogiro) Regioni, Province, Uffici inutili, Enti inutili, MegaSprechi di sanità e giustizia. Così siete rimasti a bocca asciutta: grazie Fornero, grazie Presidente Napolitano.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog