Cerca

La Polizia nel caos

Lo scandalo del Viminale
Il corvo fa dimettere Izzo,
ma la Cancellieri dice no

Il ministro dell'Interno ha respinto le dimissioni del vice di Manganelli dopo l'esposto anonimo su appalti pilotati

Il ministro dell'Interno: "Abbiamo preso molto seriamente la vicenda. Quello che vogliamo è che il Viminale resti una casa di vetro e un punto di riferimento per il Paese”. Aperta un'inchiesta
Lo scandalo del Viminale
Il corvo fa dimettere Izzo, 
ma la Cancellieri dice no

Si è dimesso il vice capo della Polizia, prefetto Nicola Izzo, chiamato in causa dal 'corvo' nell’inchiesta sui presunti  appalti truccati al Viminale. Izzo ha inviato questa mattina una email al Capo della Polizia, prefetto Antonio Manganelli e al ministro dell’Interno, Annamaria Cancellieri che però ha ha respinto le dimissioni, perché "credo, ha detto il ministro, che una persona non possa essere giudicata sulla base di un esposto anonimo sul quale non abbiamo ancora riscontri". 

Intanto la Procura di Roma procede nell'inchiesta partita in seguito dell’esposto anonimo inviato nei giorni scorsi al ministro dell’Interno dove si faceva riferimento a presunte violazioni e illeciti nel conferimento di appalti per l’acquisto di apparecchiature tecnologiche. L'inchiesta è stata avviata dal procuratore capo, Giuseppe Pignatone, che ha affidato il fascicolo all’aggiunto Francesco Caporale, che guida da poco il pool dei magistrati per i reati contro la pubblica amministrazione. L’esposto anonimo, composto da una ventina di pagine, indica episodi circostanziati e diversi illeciti che sarebbero stati compiuti dall’ufficio logistico del Viminale, incaricato delle gare d’appalto per l’acquisto degli impianti tecnologici.

Da parte sua, nelle scorse ore, Izzo si era difeso da ogni accusa: "Diffamato per fatti che mi sono estranei: da vicecapo vicario non mi occupo della gestione di   appalti". In una nota ha scritto:  "Sono citato ignominiosamente in un esposto anonimo, che potrebbe essere redatto a carico di chiunque e con   qualsiasi contenuto - scrive Izzo - per acquisti di cui ho conoscenza solo per la funzione strategica dei beni e non delle procedure per la loro materiale acquisizione. Chi ha costruito l’anonimo, si è   nascosto abilmente, dimostrando la sua conoscenza delle tecnologie avanzate e del settore degli appalti, usando la mail di persone ignare; e tale modalità forse merita qualche riflessione sui nobili   intenti dell’autore". Prosegue Izzo: "Nello scritto, l’anonimo segnala anomalie sulle   procedure amministrative adottate, procedure per le quali, in alcuni   casi e per quanto mi consta, le stazioni appaltanti, diverse tra loro   e non solo interne al dipartimento della Ps, si sono consultate con gli organi istituzionali preposti e in tutti i casi, a conclusione degli appalti, sono state sottoposte al vaglio e registrate, senza alcun rilievo, dalla Corte dei Conti". Izzo conclude che "nonostante la natura anonima dell’esposto non  dovrebbe dare luogo a seguiti e in presenza di un quadro di   sostanziale regolarità, l’Amministrazione ha trasmesso gli atti alla   Procura per gli eventuali approfondimenti. La morte del compianto Saporito per le sue tragiche modalità merita solo dolore e rispetto e  non vili e strumentali insinuazioni. Per il Cen sono stato interrogato circa due anni e mezzo fa e attendo fiducioso il giudizio della magistratura".

“Il 'corvo'? Ci piacerebbe   conoscerlo, vedere se sono uno, due o quanti sono”, sostiene il ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri ribadendo che oltre all’inchiesta della   magistratura, “di cui attendiamo gli esiti” sono in corso   accertamenti all’interno del Viminale: “Abbiamo preso molto  seriamente la vicenda -conclude- perchè non sappiamo chi volesse colpire” il corvo, “forse aveva anche un interesse personale. Quello che vogliamo è che il Viminale resti una casa di vetro e un punto di riferimento per il Paese”.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giancgazz

    05 Novembre 2012 - 18:06

    l'Italia è governata da una banda di ladri ,ogni giorno ne beccano uno.un tempo c'erano le bande dei barbari che la sacheggiavano ora ci sono i banchieri, i politici. Usque tandem Catilina..

    Report

    Rispondi

  • stevenson 46

    05 Novembre 2012 - 17:05

    Qualcuno dica al ministro Cancellieri che le denunce anonime tramite 117 sono incoraggiate dal suo Governo.

    Report

    Rispondi

blog