Cerca

Lo scontro

Ilva contro il sequestro degli impianti: "O revoca o a Taranto si chiude"

Il presidente Bruno Ferrante: "Se il sequestro preventivo degli impianti a caldo dovesse permanere la situazione economica sarebbe insostenibile"

Ilva contro il sequestro degli impianti: "O revoca o a Taranto si chiude"

Se il giudice non imporrà lo stop al sequestro preventivo degli impianti a caldo, l'Ilva a Taranto chiuderà definitivamente. E' l'avvertimento-minaccia dell'azienda siderurgica che martedì ha presentato la controperizia con i dati sull'incremento dei casi di tumore nella città pugliese che secondo le ricerche di parte non sarebbero direttamente legati alla presenza dello stabilimento. "Se il sequestro preventivo dovesse permanere, pur a fronte del mutato quadro autorizzatorio - rendono noto il presidente dell'Ilva Bruno Ferrante e l'avvoacto Marco De Luca nell'istanza di dissequestro - l'ovvia insostenibilità economico-finanziaria condurrebbe inevitabilmente alla definitiva cessazione dell'attività produttiva e alla chiusura del polo produttivo". Il dissequestro, per l’azienda, è funzionale all’attuazione di quanto l'Autorizzazione ambientale prescrive. Solo l'attività di impresa, dice l'Ilva, "può generare le risorse necessarie alla relativa ottemperanza" dell’Aia. L'Ilva fa altresì presente che l'assolvimento degli obblighi dell'Aia, che pone una serie di interventi ambientali e impiantistici, richiede necessariamente il ricorso al credito che "risulta impossibile in presenza di provvedimenti limitativi della proprietà e della gestione dello stabilimento". Il vincolo sull'area a caldo, dice l’Ilva con riferimento al sequestro giudiziario, "diviene, da subito, economicamente insostenibile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Noidi

    22 Novembre 2012 - 08:08

    con violacea. Anch'io non capisco questi tarantini, piuttosto che lavorare preferiscono la salute dei propri bambini e dei propri familiari. Chi se ne frega se i propri bambini moriranno giovani per vari problemi legati alla respirazione. E chi se ne frega se poi magari fra qualche decennio inizieranno a nascere bambini con malformnazioni. L'importante è poter lavorare oggi e poi per il domani ci penseremo, e se non ci penseremo che ci frega, tanto saremo già morti. Hey violacea, ma la mattina quando ti guardi allo specchio riesci a non sputarti in faccia?? Con la vostra mentalità l'Italia non avrà mai futuro, in quanto vi interessate solo a voi e solo per oggi, domani vedremo. Che tristezza.

    Report

    Rispondi

  • violacea

    21 Novembre 2012 - 21:09

    bravi tarantesi e lavoratori dell'ilva!! un consiglio: ora fatevi curare e mantenere dai magistrati a cui chiedete supporto contro l'azienda!! poi vediamo come va a finire!!! lavoro caput- tutti a spasso a prendere aria buona- buona -dite che riempie anche la pancia e il borsellino??? vi pagherà le bollette??? ma va là???beoti!!

    Report

    Rispondi

blog