Cerca

Il caso

Ilva, altri sette arresti: c'è anche l'ex vicepresidente

Gli indagati sono accusato di pressioni sugli enti locali per ottenere favori per l'azienda. Tra la altre accuse, disastro ambientale, concussione e associazione a delinquere

L'Ilva di Taranto

L'Ilva di Taranto

Ancora una novità giudiziaria sulla vicenda Ilva: gli uomini della Guardia di Finanza hanno eseguito una serie di arresti a Taranto e in altre regioni che riguardano i vertici della società, politici e funzionari pubblici. Sono successivamente stati attuati anche altri sequestri. Al termine dell'operazione, sono tre le persone finite in carcere e quattro agli arresti domiciliari, accusate a vario titolo di associazione per delinquere, disastro ambientale e concussione.

L'indagine - Nel dettaglio, secondo quanto si è appreso, le ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip di Taranto chiamerebbero nuovamente in causa la famiglia Riva, e anche funzionari e politici di enti locali pugliesi. Gli investigatori indagano su una serie di pressioni che l'Ilva avrebbe effettuato sulle amministrazioni pubbliche per ottenere provvedimenti a suo favore e ridimensionare così gli effetti delle autorizzazioni ambientali.

Gli arresti - Le misure cautelari sono state notificate a Fabio Riva, vicepresidente del gruppo Riva e figlio di Emilio Riva (già ai domiciliari dal 26 luglio scorso), Luigi Capogrosso, ex direttore del siderurgico di Taranto anche lui già ai domiciliari; Michele Conserva, ex assessore all'Ambiente della Provincia di Taranto dimessosi nei mesi scorsi. In carcere è finito Girolamo Archinà, ex dirigente Ilva per i rapporti istituzionali licenziato ad agosto dal presidente dell'Ilva Bruno Ferrante, quando la procura depositò al Riesame intercettazioni riguardanti pressioni esercitate su politici e consulenti. 

Il filone dell'inchiesta - Le persone finite in manette sono legate alla seconda inchiesta che riguarda anche l'Ilva, chiamata "enviroment sold out", ossia ambiente svenduto, un'indagine curata dal pm Remo Epifani che si concentra su presunti episodi di corruzione legati alla gestione di discariche nella provincia di Taranto. Una terza misura cautelare riguarda un nuovo sequestro che, secondo quanto hanno spiegato fonti vicine alla procura, dovrebbe chiudere il cerchio sull'inchiesta per disastro ambientale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    26 Novembre 2012 - 16:04

    senza l'embargo queste sono solo cazzate da imbecilli . i cinesi comunisti cosi' ci prendono per il culo. Ad ogni modo basta capirsi: l'impianto va chiuso e gli operai si devono cercare un altro lavoro (mica li devono campare gli altri Italiani!). senno' vanno a lavorare in cina e possono continuare a fare i comunisti (ma in cina, a 2 euro al giorno). Ecco fatto, e ci voleva tanto?

    Report

    Rispondi

  • tacos

    26 Novembre 2012 - 14:02

    Passati 5 anni di "ecologia e libertà" la fine è indecorosa, tutti questi supponenti con la zeppola in bocca che vogliono governare il Paese e la mitica Taranto finisce "ENVIROMENT SOLD OUT" cioè "Ambiente Svenduto". Questo è il modello che i Vendoliani con i risultati di Taranto, malgrado gli enormi strumenti di controllo della Regione Puglia, pensano di governare l'Italietta con il benzinaio di Bettola?

    Report

    Rispondi

blog