Cerca

Il caso

L'Ilva chiude gli stabilimenti
A casa tutti gli operai

Ad agosto il sottosegretario Catricalà aveva annunciato ricorso alla Consulta contro la decisione del Tribunale: da allora, più nulla. Confindustria: "Lo stop ci costerà un miliardo all'anno"
L'Ilva chiude gli stabilimenti
A casa tutti gli operai

Dopo gli arresti di sette politici e funzionari diposto dalla magistratura, l'Ilva ha deciso di chiudere gli stabilimenti e di lasciare a casa cinquemila operai, i cui badge sono già stati disattivati. Il provvedimento di sequestro emesso oggi dal gip di Taranto, si legge in una nota della'azienda, "comporterà in modo immediato e ineluttabile l’impossibilità di commercializzare i prodotti e, per conseguenza, la cessazione di ogni attività nonché la chiusura dello stabilimento di Taranto e di tutti gli stabilimenti del gruppo che dipendono, per la propria attività, dalle forniture dello stabilimento di Taranto". La Società, si legge ancora, "proporrà impugnazione avverso il provvedimento di sequestro e, nell’attesa della definizione del giudizio di impugnazione, ottempererà all’ordine impartito dal gip di Taranto". 

La questione ambientale -  "Per chiunque fosse interessato - prosegue la nota aziendale - Ilva mette a disposizione sul proprio sito le consulenze, redatte da i maggiori esponenti della comunità scientifica nazionale e internazionale, le quali attestano la piena conformità delle emissioni dello stabilimento di Taranto ai limiti e alle prescrizioni di legge, ai regolamenti e alle autorizzazioni ministeriali, nonchè l’assenza di un pericolo per la salute pubblica. Ilva ribadisce con forza l’assoluta inconsistenza di qualsiasi eccesso di mortalità ascrivibile alla propria attività industriale, così come le consulenze epidemiologiche sopraccitate inequivocabilmente attestano".

Le colpe del governo - La decisione della proprietà, già annunciata la scorsa settimana, non è un fulmine a ciel sereno ma arriva al termine di mesi caldissimi, passati attraverso decisioni del Tribunale, perizie, minacce, contro-perizie. Se pm e giudici hanno usato il pugno di ferro, spicca però anche l'assenza totale del governo. Ad agosto, nel pieno della bufera, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Antonio Catricalà aveva annunciato l'intenzione dell'esecutivo di fare ricorso alla Consulta sollevando il conflitto d'attribuzione per contestare i provvedimenti della magistratura che aveva bloccato gli impianti tarantini. Una minaccia, appunto, e niente più, perché sotto sotto nessuno a Palazzo Chigi e dintorni era convinto che il Tribunale di Taranto avrebbe mantenuto salda la sua linea dura. Il dialogo, alla fine, non c'è stato e chi doveva favorirlo è rimasto muto. 

Le reazioni - Via Twitter, il governo ha convocato a Palazzo Chigi una riunione con le parti sociali e le istituzioni. E mentre la Fiom aveva annunciato uno sciopero in caso di mancata convocazione, il ministro dell'Ambiente Corrado Clini ha tuonato tardivamente contro la decisione della magistratura: "Dobbiamo verificare se è in conflitto con il risanamento che sta procedendo attraverso l'Aia". "La seconda parte dell'Aia è stata avviata oggi e il provvedimento non prevede fermate se non per il processo di risanamento e non pone problemi ambientali". "La speranza - ha auspicato Clini - è che non ci siano ostacoli al processo di risanamento". Grave l'allarme lanciato da Confindustria: "La chiusura dell'Ilva sarebbe un evento gravissimo per tutto il sistema industriale italiano, conseguente ad un vero e proprio accanimento giudiziario nei confronti dell’azienda". "C'è una contraddizione evidente tra il percorso delineato dall'Aia, sul quale l'Ilva stava lavorando seriamente con ingenti investimenti - continua la nota -, e le decisioni della magistratura. Una cosa sono le responsabilità penali, su cui è importante che la giustizia segua il suo corso, altra è la continuità produttiva e aziendale, che non può e non deve essere messa in discussione, così come - prosegue la nota - la riqualificazione ambientale del territorio tarantino, che nessuno più porterebbe avanti in caso di abbandono dello stabilimento". In ogni caso, concludono gli industriali, la chiusura dell'impianto tarantino "avrà un costo  per la collettività, tra cig e oneri sociali, pari a quasi un miliardo di euro l'anno, mentre la perdita di potere di acquisto sul territorio di Taranto e provincia è stimabile in circa 250 milioni l'anno".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gioant

    28 Novembre 2012 - 16:04

    Finalmente a casa!così possono fare accurati accertamenti sulla loro salute,mentre i non lavoratori della città possono disintossicarsi respirando aria migliore.Oggi anche la natura ha dato il segno che quel stabilimento deve sparire fulminandolo.

    Report

    Rispondi

  • dplucia

    28 Novembre 2012 - 08:08

    La chiusura dell'Ilva è colpa di tutti coloro che hanno avuto a che fare con l'Azienda. In tanti anni( L'Ilva non emana profumo di cioccolato)tutti coloro che erano e sono tenuti a controllare le emissioni non hanno fatto il loro dovere, anzi sono riusciti ad aumentare le loro tasche, fregandosi delle malattie e degli operai.E' il solito vizio italiano! Rubare e fare affari sporchi. Anche la Germania e la Francia hanno industrie siderurgiche che emettono fumi, ma sono riusciti a limitarli applicando davvero, senza scappatoie,le normative europee. Non lamentiamoci se le altre nazioni ci considerano una "res nullius"e ci tengono sotto tutela.

    Report

    Rispondi

  • Caninforato

    27 Novembre 2012 - 11:11

    Non esiste in Italia un Governo coi numeri per fare nulla di tutto ciò! Lo stanno per fare in Francia negli omologhi impianti Arcelor-Mittal di Florange, ma colà da sei mesi governa la Sinista (niente in paragone col centro-sinistra nostrano che ha governato dal 2006 al 2007). A proposito di imprenditori nostrani, per chi non lo sapesse (è notizia di ieri) la Fiat sposta la sede legale IVECO in Olanda per non pagare le tasse in Italia...

    Report

    Rispondi

  • Angela70

    27 Novembre 2012 - 09:09

    Condivido il suo pensiero. Purtroppo io non ho risorse per andare in un'altro paese e devo lottare qui.....ma se le avessi scapperei anche io dove si puo' lavorare!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog