Cerca

Valori da preservare

Il Papa difende la famiglia:
"Aborto, eutanasia, nozze gay
sono un'offesa alla persona"

Il messaggio di Benedetto XVI per la Giornata mondiale della Pace

Papa Benedetto XVI

La cancellazione del valore della famiglia attraverso leggi che equiparino le unioni gay al tradizionale matrimonio uomo-donna rappresenta un attentato alla pace. Ne è convinto Benedetto XVI per il quale "il riconoscimento dell’imprescindibile legge morale naturale scritta da Dio nella coscienza di ogni uomo", e dunque "lo smantellamento della dittatura del relativismo", rappresentano oggi una irrinunciabile "precondizione della pace". "Nessuno - scrive nel Messaggio per la prossima Giornata Mondiale della Pace - può ignorare o sottovalutare il ruolo decisivo della famiglia, cellula base della società dal punto di vista demografico, etico, pedagogico, economico e politico".

No alle nozze gay - "Desidero ribadire con forza che i molteplici operatori di pace sono chiamati a coltivare la passione per il bene comune della famiglia e per la giustizia sociale, nonchè l’impegno di una valida educazione sociale",  scrive il Papa ricordando che la famiglia fondata sul matrimonio uomo-donna "ha una naturale vocazione a promuovere la vita: accompagna le persone nella loro crescita e le sollecita al mutuo potenziamento mediante la cura vicendevole".   Secondo Papa Ratzinger, dunque, "la struttura naturale del matrimonio va riconosciuta e promossa, quale unione fra un uomo e una donna, rispetto ai tentativi di renderla giuridicamente equivalente a forme radicalmente diverse di unione che, in realtà, la danneggiano e contribuiscono alla sua destabilizzazione, oscurando il suo carattere particolare e il suo insostituibile ruolo sociale". 

Aborto ed eutanasia - "Chi vuole la pace non può tollerare attentati e delitti contro la vita" scrive ancora Benedetto XVI nel Messaggio: "Ogni lesione alla vita, specie nella sua origine, provoca inevitabilmente danni irreparabili allo sviluppo, alla pace, all’ambiente". "Nemmeno è giusto codificare in maniera subdola falsi diritti o arbitrii, che, basati su una visione riduttiva e relativistica dell’essere umano e sull'abile utilizzo di espressioni ambigue, volte a favorire un preteso diritto all’aborto e all’eutanasia, minacciano il diritto fondamentale alla vita". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • testin della cazzetta

    15 Dicembre 2012 - 14:02

    ...a me 'sta questione della terra che gira intorno al sole mica mi convince...

    Report

    Rispondi

  • hilander

    14 Dicembre 2012 - 21:09

    giuste e sacrosante le parole del santo padre, purtroppo migliaia di sacerdoti in italia sponsorizzano politici di sinistra ....... . A buon intenditore poche parole

    Report

    Rispondi

  • biric

    14 Dicembre 2012 - 20:08

    Quando un beone qualsiasi dice delle stronzate, tutti ad applaudire. Se a parlare di cose serie è il Papa, tutti contro. Complimenti vivissimi.

    Report

    Rispondi

  • xulxul

    14 Dicembre 2012 - 19:07

    Lucido, chiaro e politicamente scorretto come sempre il Santo Padre. Ha messo ancora una volta il dito nella piaga purulenta e ributtante del relativismo politically correct, tanto caro ai politicastri anche sedicenti cattolici. Ciò che è contro la legge naturale distrugge l'uomo. Aborto, divorzio, eugenetica, eutanasia ed ora le unioni sodomite stanno uccidendo l'occidente malato di scientismo e di ateismo teorico e pratico. Tutte le scelte che seguono il capriccio egoista umiliano e condannano la nostra società al tramonto. Siamo un paese di vecchi e in saldo demografico ampiamente negativo. Non c'è ricambio generazionale cosicchè tutti i parametri di stabilità sociale sono in forte sofferenza, altro che crisi economica (effetto della cecità dell'uomo). E ci vorrebero far credere che queste "conquiste" garantirebbero un futuro all'umanità? Per carità. Matrimoni etero e figli: il mondo è sempre andato avanti così. Non si può andare contro natura. W il Papa! Dominus conservet eum.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog