Cerca

Una tegola sul ministro

Grilli e la casa col giallo Costava un milione, il mutuo era di 1,5

Sospetto sul prezzo e sul prestito ottenuto per un appartamento di 14 camere ai Parioli

Vittorio Grilli

Sospetti sulla casa del ministro delle Finanze Vittorio Grilli. Il sito economico Bloomberg riporta infatti la notizia che Grilli avrebbe acquistato la sua casa ai Parioli, a Roma, a un prezzo inferiore (del 50%) a quello di mercato e con un mutuo addirittura superiore alla somma da versare per l'acquisto. In sostanza, il ministro nel 2004 ha speso un milione e 65 mila euro per un alloggio di 310 metri quadrati (quattordici camere, una cucina e quattro bagni, con soffitti alti 3.46 metri) nella zona più esclusiva - e cara - della capitale ottenendo però un prestito di un milione e mezzo di euro.  

Smentita - Grilli ha subito smentito tutto: "Nella migliore delle ipotesi potrebbe essere considerato un pettegolezzo infondato. È poco professionale e sbagliato criticare le disposizioni finanziarie per l'acquisto di un immobile senza sapere nulla degli altri aspetti del rapporto fra banca e cliente che sottende tutte le transazioni commerciali relative a prestiti e garanzie". E ancora: "Sia questa che qualsiasi altra operazione in cui io sia mai stato coinvolto è perfettamente legale. Non sono mai stato coinvolto in operazioni di riciclaggio di qualsiasi tipo". Oltretutto queste insinuazioni potrebbero influenzare le pratiche di divorzio dalla moglie.

Prestiti - Il venditore della casa, riporta Bloomberg, è Massimo Tosato, vice presidente della fund manager Schroders Plc di Londra e membro del board of overseers della Columbia Business School a New York. A erogare il prestito è stato il Monte dei Paschi di Siena che però sostiene di non dare mai mutui che superino il prezzo d'acquisto di un immobile. Nel 2004, la percentuale massima di un mutuo concesso da Mps si attestava al 95 per cento. Dal 2010 in poi, invece, il prestito è stato erogato da Intesa Sanpaolo. In generale, il limite massimo per un mutuo è l'80 per cento del valore della casa che, in casi straordinari, può arrivare al 100 per cento. Ma appunto, si parla di valore, e se la casa vale davvero almeno due milioni allora un prestito di un milione e mezzo sarebbe "normale". Certo, il sospetto resta. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fraferra

    23 Dicembre 2012 - 06:06

    I Politici sono tutti ladri, quelli che arrivano a quelle poltroncine lì vedono solo i loro possibili benefici!!!!

    Report

    Rispondi

  • marari

    21 Dicembre 2012 - 09:09

    Questo era l'uomo che doveva diventare il governatore della Banca d'Italia al posto di Draghi, posizione strategica per avere anche gratis un appartamento di 14 stanze, perché poi da quella posizione si possono fare molte concessioni alle banche che erogano il mutuo. Sarà un caso che Monte dei Paschi ha avuto più di 3 MILIARDI di euro dal ministro dell'economia? Ripristinare la ghigliottina sarebbe cosa troppo morbida, QUESTI devono essere torturati lentamente e dal momento che sono ingordi, lasciati perire di stenti.

    Report

    Rispondi

  • bfrizzante

    21 Dicembre 2012 - 07:07

    Invece di 14 stanze ne bastava una sola di 2mq. a san vittore, senza aggravio di IMU.

    Report

    Rispondi

  • Maschiosfrontato

    20 Dicembre 2012 - 20:08

    Capirai che rivelazione, dopo D'Alema ad equo canone, scaiola ad insaputa sua, un grilli in più o in meno cosa cambia....se anche questa notizia sarà confermata una ragione in più per mandare a casa tutti questi truffatori...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog