Cerca

Odissea infinita

I marò sono rientrati in India:
"Gli italiani mantengono la parola"

I due fucilieri sono tornati questa mattina a Kochi. Si sono consegnati alle autorità indiane. Torneranno nell'albergo dove alloggiano dopo avre ottenuto la libertà vigilata

I marò sono rientrati in India:
"Gli italiani mantengono la parola"

 

I nostri marò rispettano la parola data. Sono italiani. E sono tornati in India. E’ atterrato alle 8,30 ora locale l'aereo speciale dell’Aeronautica Militare a bordo del quale sono   rientrati oggi a Kochi Massimiliano Latorre e Salvatore Girone accusati di aver ucciso in India due pescatori durante un’operazione antipirateria. Il console generale italiano e in India, Giampaolo Cutillo ha sottolineato che "con il rientro dei due marò al termine della licenza natalizia di due settimane concessa dall’Alta Corte di Kerala, l’Italia ha mantenuto la sua parola e dimostrato di avere piena fiducia nel sistema giudiziario indiano.Sono sicuro che la gente del Kerala e dell’intera nazione considererà questo gesto che mostra le buone relazioni tra i nostri due paesi", ha aggiunto il diplomatico italiano. Subito dopo l’arrivo all’aeroporto di Kochi, i due fucilieri si sono presentati nell’ufficio del capo della polizia, e poi la partenza in auto per Kollam, dove devono consegnare al giudice i loro passaporti. Dopo è previsto il rientro a Kochi nell’albergo dove sono alloggiati da quando è stata concessa loro la libertà vigilata dietro cauzione. Ora la speranza è che al più presto riprendano lo stesso aereo che li ha portati in india per tornare a Roma. Questa volta con biglietto di sola andata. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antoniofasano

    15 Marzo 2013 - 13:01

    I marò sono rientrati in India: "Gli italiani mantengono la parola"

    Report

    Rispondi

  • iose

    04 Gennaio 2013 - 21:09

    BRAVI .........................

    Report

    Rispondi

  • rocc

    04 Gennaio 2013 - 20:08

    i marò non dovevano rientrare in India, perchè là c'è la pena di morte e per legge italiana non si possono estradare indagati in paesi dove c'è la pena capitale; comunque trattandosi di militari, la magistratura italiana sarebbe severissima con loro (in Italia non c'è la pena di morte come in India, ma...). I marò forse non dovevano ringraziare autorità italiane che non hanno fatto nulla per loro.

    Report

    Rispondi

  • albino49

    04 Gennaio 2013 - 18:06

    tu per caso li hai visti sparare? conosci gli ordini che hanno?, lascia almeno che vengano processati prima di condannarli e comunque io sono fiero dei due per come e con quanta fierezza nello sguardo stanno affrontando la situazione,tu avresti fatto lo stesso?,per come parli penso di no

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog