Cerca

L'ex boss dei Casalesi

Antonio Iovine: "Giudici pagati per assolvermi"

Antonio Iovine

L’ultima volta che un padrino della camorra vuotò il sacco accusando avvocati e magistrati di essersi fatti corrompere per aggiustargli qualche processo, risale agli anni ’90. Non finì tanto bene, nel senso che le «clamorose» rivelazioni di «Lovigino», alias dell’ex boss di Forcella Luigi Giuliano, su un presidente di sezione del tribunale del Riesame e di un membro della Camera penale, finirono nel nulla: per un anno e mezzo non si riuscì a trovare adeguato riscontro al racconto di mazzette e sentenze taroccate, tutti assolti. Oggi, con un ex capo della malavita organizzata del calibro di Antonio Iovine, detto «’O ninno», passato come (quasi) tutti dall’altra parte della scrivania «perché il clan dei casalesi ormai non c’è più...», la scena si ripete, almeno nelle sue premesse: si tratta solo di vedere come andrà a finire, di tempo ce n’è, siamo agli inizi. The show must go on.
«Per essere assolto in Corte d’assise dall’accusa di omicidio tirai fuori 250mila euro. In tribunale a Napoli c’era una struttura che si occupava di aggiustare processi».

Dette così, per bocca di uno che neppure ricorda - a suo dire - quante persone abbia fatto fuori, son cose che fanno saltare dalla sedia. Di certo i primi a farlo saranno stati i magistrati di Roma, dove il verbale del «pentito» è stato trasmesso dai colleghi napoletani nei giorni scorsi.
Iovine, in parole povere, s’è scampato un ergastolo una volta e 30 anni un’altra, tirando fuori quattrini a volontà: 200 milioni di lire negli anni ’80 al tempo della guerra tra Cosa Nostra e Casalesi e 250mila euro più recentemente per ipotesi di omicidi legati all’eterna guerra tra clan.

Subito aperta un’inchiesta per l’ipotesi di corruzione in atti giudiziari dal momento che la Capitale è competente - per legge - su tutto ciò che concerne i magistrati di Napoli. E gli accusati di Iovine sono, appunto, un magistrato e un penalista partenopei, logici destinatari delle attenzioni dei procuratori romani.

Figura centrale, a dire di «’O ninno» è un altro avvocato di Santa Maria Capua Vetere, Michele Santonastaso, egli stesso oggi recluso con l’accusa di favoreggiamento e concorso esterno in associazione di stampo mafioso. Le accuse di Iovine sono contenute in un verbale depositato agli atti del processo in corso sulle minacce all’icona antimafiosa Saviano e alla senatrice Pd Rosaria Capacchione.

Antonio Iovine ha riferito anche di recente (lo scorso 26 maggio ha deposto a lungo dinanzi ai pm della Dda), che l’avvocato Santonastaso gli avrebbe detto che se avesse voluto sottrarsi alla galera a vita, dopo una condanna in primo grado all’ergastolo (parliamo pur sempre di omicidi di camorra di almeno 30 anni fa) avrebbe dovuto tirar fuori un bel pacco di soldi: «Così mi disse, accettai ovviamente. E infatti in secondo grado fui assolto». E così via in un altro caso (la condanna era a 30 anni) e chissà a quanti altri ancora: la così detta «discovery» in storie del genere è a rilascio lento, come un medicinale, anche al di là di ciò che c’è scritto nel «bugiardino», vale a dire che le medicine vanno consumate entro sei mesi. Ma questa è un’altra storia.

La patata bollente, ora, è il coinvolgimento dell’ex presidente della Corte d’assise d’appello di Napoli, Pietro Lignola. Il noto magistrato è già sotto processo a Roma per un’altra storia in cui gli vengono contestati la rivelazione di segreto d’ufficio e l’abuso d’ufficio aggravati dal vincolo mafioso. La prossima udienza del processo è fissata per il 10 luglio.

di Peppe Rinaldi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    19 Giugno 2014 - 14:02

    Con alto sprezzo dell'ilarità e del ridicolo al grido di"Ponete fiducia nelle istituzioni"ci propinano la solita fuffa di aria maleodorante e fritta.Devo continuare a fidarmi di queste istituzioni?Una ragazza tempo fa ha rubato una matita per gli occhi:valore 5 euro.Processo per direttissima e condanna.Mose:Il sig Orsoni ha rubato milioni.E' già libero.

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    19 Giugno 2014 - 13:01

    Probabilmente a certi magistrati non è convenuto che questo tipo si sia pentito! Se continua a parlare come ha iniziato a fare, sempre che non lo suicidino in cella, mezza magistratura partenopea andrà in galera!!! Ovviamente, se cè una parte di magistratura ancora seria ed onesta, andranno in galera anche altri magistrati!!! Ma veramente c'è qualcuno che credeva che "loro" fossero tutti onesti?

    Report

    Rispondi

  • routier

    19 Giugno 2014 - 13:01

    Se risulterà vero bisognerà purtroppo ammettere che in Italia le assoluzioni per gravi reati sono in vendita. Poi, con alto sprezzo del ridicolo, ci vengono a dire che bisogna avere fiducia nella magistratura.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    19 Giugno 2014 - 10:10

    Mi associo a Uchianghier. Portargli via tutti i sodi (tanto non sono neppure suoi) e poi farlo parlare, provvedendo a riscontrare quanto dice. Ma subito dopo proseguire le inchieste iniziate dalle sue dichiarazioni. Fare presto, perché a Roma le sabbie sono mooooolto mobili.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog