Cerca

La guerra degli jihadisti

Allarme terrorismo, i Servizi: "Minaccia più grave dall'11 settembre"

Allarme terrorismo, i Servizi: "Minaccia più grave dall'11 settembre"

Il ministro degli Esteri, Federica Mogherini, è stata chiara ieri durante l'audizione in Parlamento: la portata della minaccia rappresentata dagli jiahdisti sunniti dello Stato Islamico (Is) è tale che non si limita a rappresentare un pericolo letale in Iraq e Siria dove opera, ma «riguarda anche l’Europa e l’Italia». Parole allarmanti che trovano fondamento nei documenti dell'intelligence: secondo i Servizi "l'Is è la più grave e complessa minaccia terroristica che l'Italia e l'Europa si trovano ad affrontare dai tempi dell'11 settembre". "Nulla di comparabile rispetto alla vecchia Al Qaeda. E' molto peggio", sostengono. I motivi, spiega Repubblica, sono principalmente due. Da una parte c'è la capacità dell'Is di combattere con carri armati, battaglioni, artiglieria pesante, colpendo contemporaneamente anche con i vecchi metodi terroristici. Dall'altra il califfo Abu Bakr al-Baghdadi può contare su combattenti che sono cittadini europei: islamici fanatici con passaporto Ue, culturalmente in grado di infiltrarsi nelle società del continente. Repubblica rivela che secondo i calcoli degli esperti ce ne sarebbero almeno cinquemila: la maggior parte inglesi, francesi o balcanici, ma ci sarebbero anche una ventina di italiani. Come Giuliano Delnevo, il venticinquenne genovese morto durante i combattimenti in Siria tra le truppe fedeli ad Assad e la guerriglia sunnita, alla quale il giovane, convertitosi all’Islam, aveva aderito.

Allerta in Italia - L'allerta nelle centrali antiterrorismo occidentali è massima. E anche l'Italia rappresenta un bersaglio per gli jihadisti non solo perché il governo ha deciso di fronteggiare il califfato aiutando le truppe peshmerga in Iraq, ma anche perchè il nostro paese si trova a rappresentare tutta l’Unione finché dura il semestre europeo e proprio in Italia si svolgeranno summit importanti dei 28 i leader dell’Unione. Inoltre c’è l’appuntamento con Expo 2015, una vetrina mondiale di 150 paesi. A ferragosto se ne è discusso durante il comitato nazionale per la sicurezza e l’ordine pubblico e ieri, rivela Repubblica, il Dipartimento di pubblica sicurezza ha inviato una informativa a prefetti e questori dove si parla di «allerta sugli obiettivi sensibili». La vigilanza in particolare resta alta su quel centinaio di blog, chat e forum dove si scambiano informazioni i nuovi jahdisti digitali. «La vigilanza è alta — conferma il ministro Angelino Alfano — e tutti i segnali provenienti da fonti di intelligence e da fonti “aperte” sono valutate con la massima attenzione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arleyca16

    21 Agosto 2014 - 21:09

    Adesso che angelo al.fano,(conosciuto come fratel coniglietto) ha garantito che la vigilanza è alta,mi sento più tranquillo.

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    21 Agosto 2014 - 17:05

    Speriamo che non venga colpita la povera gente ma, quelli che hanno favorito quest'invasione.

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    21 Agosto 2014 - 17:05

    Mi sentirei più tranquillo se al Viminale, invece di Alfano, ci fosse ancora Mario Scelba.

    Report

    Rispondi

    • milibe

      21 Agosto 2014 - 18:06

      il problema nostro è proprio quello di avere alfano al viminale

      Report

      Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    21 Agosto 2014 - 15:03

    Boldrini & Kienge ... ma sullo scoglio di Lampedusa ad accogliere i migranti (veri e falsi) non c'è più nessuno?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog