Cerca

Il 17enne ucciso

Napoli, morte Bifolco, la strategia del legale Anselmo: foto del cadavere, video dei carabinieri e nuovi testimoni

Napoli, morte Bifolco, la strategia del legale Anselmo: foto del cadavere, video dei carabinieri e nuovi testimoni

Passa dal web e dalla strada la controffensiva dei parenti di Davide Bifolco, il 17enne ucciso a Napoli da un colpo di pistola esploso da un carabiniere dopo un inseguimento. Prima la rabbia che sabato ha portato in piazza 200 abitanti del popolare quartiere Traiano, dove il ragazzo viveva, con tanto di cori e slogan contro le forze dell'ordine. Quindi il video dell'inseguimento, fornito dall'avvocato difensore della famiglia Bifolco Fabio Anselmo e già consegnato alla Procura, in cui si vedono i carabinieri  fare irruzione pistola in pugno in una vicina sala da biliardo dopo aver fermato lo scooter e sparato a Davide.




La foto del cadavere e la strategia di Anselmo
 - Quindi il "colpo finale", la pubblicazione su Facebook da parte della cucina di Davide delle foto del cadavere del 17enne, con tanto di foro del proiettile. Un colpo allo stomaco che ha però precedenti: lo stesso accadde, infatti, con Federico Aldrovandi e Stefano Cucchi, entrambi morti nelle mani di agenti delle forze dell'ordine. Non è un caso: oggi, come allora, la strategia giudiziaria e comunicativa fu orchestrata dallo stesso avvocato Anselmo, anche se in questo caso la differenza pare sostanziale. Mentre nei casi Aldrovandi e Cucchi le foto servirono per sostenere la "falsità" delle versioni degli agenti, che contestavano pestaggi e uso eccessivo della forza, nel caso di Bifolco si rischia di cadere nel semplice voyeurismo, visto che nessuno, tantomeno il carabiniere, nega che il ragazzo sia stato ucciso da un colpo di pistola.

Autopsia rinviata a domani - Si discute, semmai, sulla natura di quel colpo: volontario, come spiegano i parenti e gli amici della vittima, o accidentale, come sostiene il carabiniere? Su questo punto, mentre l'autopsia prevista per oggi, lunedì 8 settembre, è stata rinviata a domani, è lo stesso Anselmo ad annunciare novità. Ci sarebbero "quattro testimoni, forse c'è anche un quinto giovane", con versioni che ribalterebbero "ciò che sostiene il carabiniere e che comunque rappresenta la versione dell'Arma". Due dei testimoni sarebbero Salvatore Triunfo, già ascoltato dal pm, ed Enzo Ambrosio, che ha raccontato di essere lui il terzo uomo sullo scooter e non, come creduto dagli agenti, il latitante Arturo Equabile.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Pasmim

    08 Settembre 2014 - 15:03

    Ma perchè non fermarsi subito? Paese in mano a delinquenti, figli di puttana e falsi buonisti cattocomunisti! I delinquenti fanno il mestiere loro, ma i figli di puttana i buonisti cattocomunisti no! Auguro a questi ultimi di incontrare un giorno uno di questi bravi ragazzi adolescenti che a 16 anni sono in giro alle tre di notte! Cosi le cose andranno sempre peggio! CC e PS Scioperate TUTTI!!!!!

    Report

    Rispondi

  • marks

    08 Settembre 2014 - 15:03

    vigpi 08 September 2014 - 13:01 parla al singolare non fare il furbo con le parole qui il colpevole e' uno solo perché ' uno solo ha sparato .

    Report

    Rispondi

    • vigpi

      08 Settembre 2014 - 17:05

      Non sono io il furbo, è lui che è fortunato. Quando c'è da processare agenti lui c'è sempre. Cucchi, Aldrovandi, Uva ora Bifolco. Tutta gente che alle 3 del mattino stava tranquillamente seduta a leggere un libro ai giardinetti. E chissà come mai trova sempre un casino di testimoni. Poi alle tre del pomeriggio fanno una strage in centro e non c'è anima viva.

      Report

      Rispondi

  • vigpi

    08 Settembre 2014 - 13:01

    Certo che l'avv. Anselmo è un mago.La sua capacità di trovare testi in ogni occasione è impressionante. Pensate quanti casi si risolverebbero grazie a questa sua capacità. Per lui le strade di notte non sono buie e deserte ma luoghi di aggregazione popolate di gente che passeggia e non vede l'ora di portare la propria testimonianza al vaglio dei giudici. Sempre che i colpevoli siano polizziotti.

    Report

    Rispondi

  • tizi04

    08 Settembre 2014 - 13:01

    come mai ci sono dei testimoni ? ma se nessuno, pur essendo presente sul luogo del reato, non vede, e non sente niente! I napoletani sono guariti ? non sono piu` ciechi e sordi? Mi spieghino come mai un bravo ragazzo era in giro lle 2 con un pregiudicato, in 3 in moto, non si e` fermato all'alt, e` fuggito.Se gli andava bene i poliziotti erano coglioni,deficienti,incapaci ecc Invece adesso .....?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog