Cerca

Tabulati telefonici

Why Not, De Magistris condannato a un anno e tre mesi

Why Not, De Magistris condannato a un anno e tre mesi

Un anno e tre mesi di reclusione ciascuno, con sospensione condizionale della pena e non menzione sul casellario giudiziale: è la condanna che la decima sezione penale del tribunale di Roma ha inflitto all’ex pm di Catanzaro, Luigi de Magistris, attuale sindaco di Napoli, e al consulente
informatico Gioacchino Genchi, accusati di concorso in abuso d’ufficio per aver acquisito illegittimamente, nell’ambito dell’inchiesta calabrese ’Why not’, i tabulati telefonici di alcuni parlamentari senza la necessaria autorizzazione delle Camere di appartenenza.

I due imputati, cui sono state concesse le attenuanti generiche e applicata l’interdizione temporanea dai pubblici uffici per un anno (pena accessoria che rientra nella sospensione condizionale), sono stati condannati al risarcimento dei danni morali e materiali da liquidarsi in separata sede, salvo una provvisionale di 20mila euro, nei confronti dei parlamentari Francesco Rutelli, Giancarlo Pittelli, Romano Prodi, Clemente Mastella, Antonio Gentile, Sandro Gozzi e, per il solo Genchi, Domenico Minniti. Il 23 maggio scorso il pm Roberto Felici aveva concluso la requisitoria sollecitando l’assoluzione per l’ex pm di Catanzaro e la condanna a un anno e mezzo di reclusione per Genchi.

L’accusa di abuso d’ufficio era stata formulata perchè  i tabulati riguardanti gli uomini politici appartenenti al  centrodestra e al centrosinistra erano stati acquisiti al fascicolo  dell’inchiesta senza aver preventivamente richiesto ai rami del  Parlamento a cui appartenevano i politici in questione l’autorizzazione ad acquisirli. Il processo conclude una lunga vicenda giudiziaria che era cominciata nel 2009. La decisione del Tribunale è stata commentata favorevolmente dagli  avvocati Nicola e Titta Madia i quali ha assistito nel procedimento  Francesco Rutelli e Clemente Mastella. "La sentenza emessa oggi dal  Tribunale di Roma -hanno sottolineato i penalisti- rende piena  giustizia agli uomini politici tra i quali Francesco Rutelli e  Clemente Mastella. La grande violazione delle prerogative dei  parlamentari in questione determinò una violentissima campagna di  stampa contro il governo all’epoca in carica".

Da parte sua, De Magistris affida a Facebook la replica alla condanna, che definisce "un errore giudiziario. La mia vita è sconvolta". E annuncia ricorso in appello: "Sono profondamente addolorato per aver ricevuto una condanna per fatti insussistenti. Sono stato condannato per avere acquisito tabulati di alcuni parlamentari, pur non essendoci alcuna prova che potessi sapere che si trattasse di utenze a loro riconducibili".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ghinoditacco2

    26 Settembre 2014 - 17:05

    E' davvero inusitato che un magistrato (anche se non più in servizio) critichi con commenti così aspri una sentenza di condanna. La legge Severino disciplina una materia strettamente tecnica e, all'art. 11, è previsto chiaramente che il condannato, anche non definitivo, per taluno dei reati contro la P.A. deve (e non, può) essere sospeso dalla carica. E ciò vale per chi è a destra o a sinistra.

    Report

    Rispondi

  • VEPA53

    25 Settembre 2014 - 11:11

    Giggino, un flop continuo. Peccato che abbia rovinato la vita a tanti innocenti, ma la ruota gira e speriamo arrivi presto il turno dello zappaterra DiPietro, anche se non sarà mai abbastanza quello che pagheranno in rapporto alle mascalzonate commesse.

    Report

    Rispondi

  • 25 Settembre 2014 - 11:11

    Scusate,ma adesso è anche lui un pregiudicato?? Oppure no?!?!

    Report

    Rispondi

  • cell43

    25 Settembre 2014 - 09:09

    Ma perché a questo losco individuo non vengono assegnati i servizi sociali?. Napoli non soffrirebbe la sua assenza,li tutti fanno quel cazzo che gli pare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti