Cerca

Il coraggio di un italiano

Marò, Massimiliano Latorre: "Sono pronto a tornare in India, devo lottare per Salvatore Girone"

Massimiliano Latorre

"Non mi arrendo. Io combatto. Devo farlo non solo per me, ma soprattutto per Salvatore. Sento di avere un dovere verso di lui come superiore. Lui era un mio sottoposto. Sento questa responsabilità. La sento due volte, da sottufficiale e da campo team". Così Massimiliano Lattore, il marò tornato in Italia per un permesso medico dopo un ictus che lo ha colpito il 31 agosto. In India, però, ci è rimasto il commilitone, Salvatore Latorre, e lui afferma di non volerlo abbandonare, mostra coraggio ed è pronto al ritorno in India, previsto per il 13 gennaio. Latorre spiega che "sono qui, combattivo come sempre. Anzi, sono ancor più consapevole delle mie responsabilità". Sulla possibile soluzione del caso, che magari potrebbe arrivare per iniziativa del premier Matteo Renzi, taglia corto: "E' un problema tra India e Italia". Quindi parla anche della sua malattia: "Voglio dire pubblicamente grazie alla mia compagna, a Paola: senza di lei non sarei vivo, non sarei qui". Fu lei, infatti, ad accorgersi dell'ictus: "Sta sempre al mio fianco, ogni giorno". Ma è guarito, Latorre? "Ancora no. All'inizio sembrava un malore da niente, una cosa leggera. E' stata Paola - ribadisce - ad accorgersi della gravità di quello che stava succedendo. Sono salvo per il rotto della cuffia. Oggi non sarei qui a parlare, lo devo a lei. Però - aggiunge - ho anche un rammarico". Quale? "Sarebbe stata la morte migliore. Non avrei sentito nulla. Sarei morto senza accorgermene". Avrebbe preferito morire? "Non dico questo, no. Ovvio che sono contento d'essere vivo. Io non mollo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • txyleo

    16 Dicembre 2014 - 12:12

    fuori gli indiani dall'italia finche' non tornano latorre e girone!

    Report

    Rispondi

  • blues188

    03 Novembre 2014 - 10:10

    Questo è coraggio italiano, ma ce lo saremmo aspettato specialmente dai suoi superiori, veri codardi senza nerbo che mandano avanti i loro soldati ma al primo 'Bum' si nascondono nelle tane delle retrovie. Come sempre d'altronde. Bravi solo a fare carriere senza alcun merito.

    Report

    Rispondi

  • rocc

    03 Novembre 2014 - 08:08

    caro Latorre, se lei vuole dimostrare coraggio NON torni in India il 13.1.2015 (non avrebbe dovuto tornare in India nemmeno prima), lei può aiutare il collega Girone stando in Italia, non in India, i governanti di sinistra purtroppo non hanno fatto e non faranno mai nulla per Lei e per Girone

    Report

    Rispondi

  • Giustopeppe

    02 Novembre 2014 - 17:05

    E' di persone come voi che ha bisogno l' italia, coni migliori auguri per un immediato rientro

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog