Cerca

Corruzione a Genova

Cene e sesso in cambio di appalti, dirigenti e imprenditori arrestati

Cene e sesso in cambio di appalti, dirigenti e imprenditori arrestati

Raffica di arresti stamani all’alba ad opera dei carabinieri del Noe a conclusione di un’indagine della procura di Genova su un presunto sistema corruttivo basato su cene e favori sessuali a dirigenti della società di smaltimento rifiuti di Genova Amiu (controllata dal Comune) in cambio di appalti. Tra gli arrestati 3 dirigenti Amiu che secondo l’accusa avrebbero accettato di trascorrere serate in lussuosi ristiranti e alberghi con escort in cambio di appalti, e gli imprenditori Gino e Vincenzo Mamone. Gli arresti sono stati effettuati in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare del gip Roberta Bossi. Perquisizioni sono in corso nella sede Amiu di via Gabriele D’Annunzio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • seve

    27 Ottobre 2016 - 11:11

    Lo si sapeva già in Italia è la prassi ,sono gli imprenditori illuminati che fanno soldi con lo Stato se no fai così è lo Stato che viene a rubare ate con Equitalia e Agenzia entrate ,con accertamenti Killers e altre pastoie similari è una LADROCRAZIA MAFIOSA.

    Report

    Rispondi

  • gianc46

    gianc46

    13 Novembre 2014 - 15:03

    ....sarà mica una novità!....la sarebbe se non succedessero certe cose !

    Report

    Rispondi

  • arwen

    13 Novembre 2014 - 11:11

    Suppongo che, anche in questo frangente, il Sindaco rivoluzionario nn ravvisi la necessità di dimettersi. D'altronde lui aveva promesso, nel suo programma, di nn andare con le minorenni, mica di amministrare degnamente la cosa pubblica!

    Report

    Rispondi

  • tizi04

    13 Novembre 2014 - 11:11

    ma ragazzi, siamo a Genova! un regione del PD. lasciate passare qualche mese e vedrete che fine fara` questa inchiesta.Non scommetto perche` e` troppo facile vincere! Non ci saranno conseguenze per nessuno,andra in prescrizione. La frase usata dai sinistri per questi casi e`:sono tutti uguali! Ma chissa` perche` loro alla fine non sono mai condannati, anche di fronte a prove evidenti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog